archives

razzismo

This category contains 10 posts

Quando le persone diventano scimmie

I professionisti del muro, quelli che fanno politica contro gli altri, hanno prima espresso solidarietà a mezza bocca e con grande fatica perché come puoi giustificare comunque un omicidio? Poi si sono fatti forza con le parole di una “supertestimone” magari in buonafede ma sicuramente un po’ mitomane. Sono andati oltre con i risultati dell’autopsia … Continue reading

Una lezione di civiltà

Questo filmato è straordinario. La didascalia di Repubblica.it:  “Un video shock, agli atti dell’arresto di un rapinatore: un giovane mendicante africano è uno dei pochi a intervenire direttamente cercando di fermare uno scippatore. Poco dopo il malvivente cadrà nella rete di carabinieri e polizia”. A parte gli errori, non è niente rispetto a quello che ognuno può … Continue reading

Razzismo, brutta bestia

Un episodio minore che certamente non sarà ripreso dai grandi quotidiani. Oltretutto perché proveniente da uno sport cosidetto “povero” non illuminato dai riflettori nazionali. Una partita del campionato di pallavolo, serie B2 femminile giocata su un campo di provincia, in Basilicata. La squadra locale, il Montescaglioso, batte meritatamente le pugliesi del Mesagne per 3-1. Una … Continue reading

Restiamo umani

Quando nasco, sono nero, quando cresco, sono nero, quando ho caldo, sono nero, quando ho freddo, sono nero, quando ho paura, sono nero, quando sono malato, sono nero, quando muoio, sono nero. Tu, quando nasci sei rosa, quando cresci sei bianco, quando hai caldo sei rosso, quando hai freddo sei viola, quando hai paura sei … Continue reading

A proposito di razzismo

E’ sicuramente un episodio per noi minore, anche perchè molto lontano: è avvenuto in Pennsylvania, provincia americana. Ma sono cose che fanno ribollire il sangue perchè puzzano di razzismo e di arroganza. Guardate il video: una ragazzina di quattordici anni è colpita con una pistola taser da un poliziotto. E’ la cosidetta arma stordente utilizzata … Continue reading

C’è del marcio nell’aria

L’episodio tragico di Firenze, che viene dopo quello di Torino, per non parlare degli altri fantasmi che agitano il Belpaese, istintivamente fa gridare al razzismo. E in effetti c’è qualcosa di marcio nell’aria, inutile negarlo. Il giustiziere degli ambulanti è sicuramente uno psicopatico, ma le motivazioni hanno una matrice precisa. Piuttosto bisognerebbe cominciare a ripensare … Continue reading

Razzismo

Ero a Novi Ligure quando stava per partire una fiaccolata contro “la banda di slavi” frutto della nostra voglia di dare sempre la colpa agli altri e delle dichiarazioni di quel diavolo di Erika che aveva giustificato così la mattanza in famiglia (complice molta stampa scritta e parlata che aveva accreditato l’ipotesi). Per fortuna un … Continue reading

Gira un pazzo intorno a Berghem

Ricordo di averlo incrociato, nel senso che lui ha incrociato me, commentando un post che si occupava naturalmente del profondo nord. Non perdo neppure tempo a cercarlo, ricordo solo che riguardava l’esistenza dell’Insubria che secondo lui fa parte della Grande Lombardia insieme a Orobia, Padania e, toh, Piemonte. Si firma Paulus Lombardus ed ha come progetto … Continue reading

Gli aguzzini digitali

La storia del 18enne studente di origini italiane, Tyler Clementi, ha scosso l’opinione pubblica americana. La scorsa settimana il giovane violinista, iscritto alla prestigiosa Rutgers University del New Jersey, si è buttato dal ponte George Washington dopo che i suoi compagni di scuola lo avevano filmato con un altro giovane nella cameretta che spartivano all’università, … Continue reading

Razzismi

Una vignetta di PV

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives