archives

legaioli

This category contains 30 posts

I barbari sono tornati

Non bastassero i grillini, ci si mettono i nuovi leghisti (più estremisti dei precedenti) a rilanciare la rissa, a esasperare i toni, a usare la violenza verbale. Anche i salvini usano il vaffanculo (non ai politici ma proprio all’Italia) e poi basta una frase per far capire le minacce (“chi arresta un nostro sindaco senza … Continue reading

La leghista e l’Etna

Donatella Galli ha quarant’anni, due figli, e una laurea in scienze dell’informazione. Brianzola, rossa di capelli e leghista a tutto campo, consigliera della provincia di Monza, cioè quella che sta per sparire. Forse per rabbia si vendica e prima pubblica una foto dell’Italia senza lo stivale. Gira poi sul web un manifesto delirante ma pare … Continue reading

E l’Italia torna spaccata

Archiviamo gli europei, non perchè abbiamo perso la finale, ma perchè non se ne può più. Tanto il calcio è peggio della politica: ognuno vede le cose a modo suo e non c’è verso di spezzare il tifo. Paradossale Prandelli che si mette a parlare del Paese che deve cambiare: pensi a cambiare la Nazionale … Continue reading

C’è qualcuno più trota del trota, anzi questo è proprio un povero imbecille

#legaioli Avevo intenzione di fare un post serio, occupandomi di quella rovinaeuropa della Merkel, o magari del grillismo urlante, o ancora del terremoto. Poi ho scoperto una notizia che mi ha letteralmente indignato. Ho avuto in realtà qualche dubbio nel dare risalto a un consigliere di minoranza del comune di Udine, appena 62 voti di preferenza, insomma … Continue reading

Come si dice “trota” in albanese?

A questo punto non è neanche più una questione politica. Ormai con il trota siamo in piena farsa. Può essere una cosa seria una laurea presa a Tirana dopo un tot di esami in lingua albanese? Sarebbe niente se il figlio prediletto di Bossi non avesse frequentato (?) la “Kristal” un anno prima della sofferta, … Continue reading

A “Conflitti” non si parlerà solo di guerre

Vado a Cassino. Lo sapete, c’è la rassegna “Conflitti” dedicata al mondo del giornalismo audiovisivo. Sarà l’occasione di parlare di questo mestiere in difficoltà e che si sta rapidamente, forse troppo rapidamente, trasformando. Incontrerò vecchi colleghi e giovani virgulti, discuteremo insieme sui loro prodotti e sui loro progetti. Animeremo un dibattito sul ruolo dell’inviato oggi, … Continue reading

La stanchezza di quel genio del trota

Avevo deciso di aspettare un pò prima di riparlare di Lega, almeno per vedere cosa succede. Ma il commento di Bossi alle dimissioni annunciate del figlio è troppo ghiotto. “Ha fatto bene, era stufo di stare in Regione, non si trovava”. Allora, per ogni genitore i figli sono “pezzi ‘e core”, ma ci sono dei limiti. … Continue reading

Le minacce vere dei “patrioti” padani

Non parlo mai volentieri di politica, ma se insisto sull’affaire Lega è perchè ci sono almeno quattro aspetti da approfondire. Li riassumo sinteticamente. Innanzitutto, appunto, quello politico poichè bisognerà vedere cosa cambierà nel quadro generale dopo questo sconquasso (interessa tutti). Subito dopo c’è naturalmente quello gudiziario e aspettiamo dunque di sapere quanto ladroni siano quelli che … Continue reading

Ormai è solo un Carroccio da carnevale

A questo punto mi fa pena. Con l’aggressione verbale di ieri ai giornalisti ha confermato ormai di essere solo un povero vecchio malato. Verbale, beninteso, solo perchè non ha più le forze ma come può arrivare un senatore della (a dispetto suo) Repubblica incitare i poliziotti, che non sono guardie padane, a picchiare quei curiosi … Continue reading

Allora chi sono i veri ladroni?

Troppo facile. L’ultima storiaccia leghista la conoscete, altrimenti leggetevela qui. Superfluo parlarne seriamente perchè di serio c’è ben poco. Naturalmente hanno subito gridato al complotto, ma ci sono tre procure importanti che indagano e poi c’era già qualche precedente, come quei soldi investiti in quelle banche terrone di Cipro e della Tanzania. Da tempo le … Continue reading

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives