archives

lavoro

This category contains 11 posts

Gli schiavi con gli occhi a mandorla

Vittime del lavoro anche loro, una tragedia annunciata anche la loro. Chi non sa che Prato è piena di cinesi (almeno 50 mila), che a Prato c’è la più alta concentrazione di lavoro nero d’Italia, c’è chi dice addirittura d’Europa? Chi non sa che dietro quelle fabbriche, soprattutto tessili, gestite da immigrati, c’è una manodopera … Continue reading

Non chiamatele più morti bianche

“Dall’inizio dell’anno sono documentati 92 lavoratori morti per infortuni sui luoghi di lavoro. Il 42% sono morti in edilizia, il 20% in agricoltura, l’8,9% nell’industria e il 8,6% nell’autotrasporto, in tanti muoiono nei servizi. Se si aggiungono i morti sulle strade e in itinere si superano le 185 vittime (stima minima)”. Questo il dato fornito … Continue reading

La marcia delle “vedove bianche”

E’ iniziato, davanti all’ospedale Maggiore di Bologna, il raduno per la marcia delle vedove delle persone che si sono tolte la vita a causa della crisi economica. La manifestazione, che prevede una marcia dal nosocomio felsineo fino alla sede dell’agenzia delle Entrate di via Nanni Costa, è stata organizzata da Elisabetta Bianchi, figlia di un … Continue reading

Due suicidi al giorno in tempo di crisi

La crisi economica ha i suoi effetti non solo sui disoccupati, ma anche fra imprenditori e lavoratori autonomi. Sono stati 362 nel 2010 i suicidi dei disoccupati, superando i 357 casi del 2009, che già rappresentavano una forte impennata rispetto ai 270 suicidi accertati in media del triennio precedente (rispettivamente 275, 270 e 260 nel … Continue reading

I suicidi per disoccupazione

L’ultimo dramma della disperazione è avvenuto a Torino. Un muratore di 59 anni, padre di tre figli,  si è dato fuoco, come un bonzo, perchè alla sua età si è ritrovato senza lavoro. Si chiamava Gaetano ed è solo l’ultima vittima di una serie angosciante di suicidi per disoccupazione. Frutto tragico di una società sempre … Continue reading

Quelle morti sul lavoro sempre più rosso sangue

Ogni giorno muoiono, per lavoro, almeno tre persone. Quelle che una volta si chiamavano “morti bianche”, ma che appaiono sempre più morti rosso sangue. Una strage infinita e nascosta, se non quando la tragedia sfiora qualche vip. E allora finalmente se ne parla. Due morti in poco in meno di tre mesi sono un segnale … Continue reading

Morire di lavoro

Uno a Foggia. Uno a Spoleto. Uno a Como. Uno a Trieste. Uno a Soriano nel Cimino (Viterbo). Uno a Rottofreno (Piacenza). Uno a Supino (Frosinone). Sette morti in 24 ore. Una strage silenziosa che si consuma ogni giorno sui luoghi di lavoro. Operai per lo più. Perdono la vita cadendo da un’impalcatura, schiacciati da … Continue reading

Lavoro: ogni giorno tre morti

Ogni giorno tre persone muoiono sul lavoro. E’ questa “la triste media” degli incidenti mortali. Nel 2010 gli incidenti complessivamente sono stati 775.374, di cui 980 mortali. “Numeri ai quali si aggiungono quelli relativi alle malattie professionali, con un aumento delle denunce di ben il 22% rispetto l’anno precedente”. A fare il punto della situazione … Continue reading

Sciagura annunciata

L’allucinante show di Perugia ha avuto, tra l’altro, anche un’altra colpa mediatica: quella di aver fatto passare sotto silenzio una grande tragedia. Cinque donne, anzi quattro donne e una bambina, sono morte a Barletta nel crollo di un edificio dove lavoravano. “E’ una sciagura inaccettabile” ha detto il presidente Napolitano. Perchè la colpa non è … Continue reading

Non chiamiamole morti bianche

Un operaio, Bruno Montalti di 48 anni, è morto a Roma dopo essere caduto in una buca profonda 40 metri contenente azoto liquido. L’episodio e’ avvenuto  in piazza Santa Emerenziana in un cantiere per i lavori di realizzazione della metropolitana.  La vittima era originaria dell’Aquila. Era sposato e aveva dei figli. Dall’inizio dell’anno ad ora, per … Continue reading

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives