archives

brasile

This category contains 15 posts

Finalmente è sparito quel ghigno

L’ho sempre sognato. Il ghigno, gli sparirà il ghigno. Quel sorrisino indisponente che mi ha inseguito per un anno in Brasile. A Papuda, periferia della capitale-ufficio Brazilia mi ha perseguitato molto da vicino. Sono entrato nella sua cella, la numero 5 di un carcere dove non è mai fuggito nessuno, grazie alla benevolenza del direttore … Continue reading

Il Brasile delle contraddizioni

C’era un grande parco dietro l’albergo. E dentro quel parco di fatto viveva tutta quella città finta, inventata a tavolino, appena cinquantenne. C’erano le bancarelle, i giochi per i bambini, e ogni passatempo che poteva coinvolgere tutti gli “schiavi”, cioè gli unici abitanti che nel fine settimana abitavano la capitale, quando tutti i politici tornavano … Continue reading

Brasile, la grande svolta di Timer

Dunque, Michel Temer è il nuovo presidente del Brasile dopo l’impechmeant di Dilma Roussef. Avvocato, 75 anni, figlio di immigrati libanesi, amante della poesia e dei lunghi silenzi, dal partito democratico ha fatto subito il salto mortale, annunciando la privatizzazione del Paese sudamericano che è quasi un continente. Indagato per corruzione e riciclaggio ha portato … Continue reading

Adesso non lo vogliono più

La procura federale di Brasilia ha chiesto l’annullamento del visto di permanenza in Brasile di Cesare Battisti e il suo trasferimento non in Italia, dove è stato condannato al carcere, ma in altri Paesi dove l’ex terrorista viveva prima di arrivare nel Paese latinoamericano, e cioè la Francia o il Messico. Lo riferisce il giornale … Continue reading

Ma quale rivoluzionario

In Italia c’era ”quasi una guerra civile. Se me l’avessero ordinato, avrei ucciso. Per fortuna cio’ non e’ mai successo, e non ho mai pensato fosse una via d’uscita”: lo afferma Cesare Battisti in un’intervista ad un quotidiano brasiliano. ”La rivoluzione oggi e’ uno scherzo. Avevo 16 anni quando sono entrato nella militanza, non sono piu’ … Continue reading

Il ladro di polli

Ogni tanto si fa vivo, sempre con i giornali brasiliani, mai con quelli italiani: dovessero fargli qualche domanda scomoda, per carità. Così anche l’ultima intervista dobbiamo leggerla sulla rivista Piauì dove il pluriomicida Cesare Battisti lancia un messaggio intellettualmente alto: “Amo il Brasile e le belle donne, non ho nessuna intenzione di andarmene, ormai sogno addirittura in portoghese”. … Continue reading

Battisti, il sorriso indecente

Adesso quel sorriso indecente diventa storia. La storia di un’indecenza. Battisti che esce libero, trionfante, dal carcere di Papuda è un’offesa alle sue vittime e a chi ancora crede nella giustizia. La politica, anche stavolta, ha umiliato la cronaca trasformando un rubagalline in un protagonista internazionale. Battisti è un ladro di polli, mediocre anche come … Continue reading

Intellettuali, strana razza: ecco le storie (non parallele) di Cesare Battisti e Achille Lollo

Il ritorno di Lollo in Italia ha avuto come primo riflesso condizionato l’accostamento al caso Battisti. Niente è più distante invece sul piano giudiziario. In comune hanno la fuga in Brasile, la bella vita nel paradiso di Rio de Janeiro, e forse la battaglia degli intellettuali.  Lollo è stato condannato per omicidio colposo, Battisti per … Continue reading

Da Battisti-Mogol a Battisti-Lula

Vignetta di Vukic Da “Battisti-Mogol a Battisti-Lula?” è la battuta più ricorrente fra i montatori quando mi presento per il nuovo servizio. Da dieci giorni la vicenda brasiliana mi ha di nuovo coinvolto con 27 pezzi, una videochat e un Tv7. Stasera ventottesimo servizio con le bugie di Carlà in primo piano.

Battisti resta in carcere

Dicono che nei giorni scorsi ci sia stata una piccola festa nel carcere di Papuda, cella n.5. Quella di Battisti. Gli amici più stretti, guidati dal solito senatore Josè Nery della sinistra radicale, sono andati a trovarlo per brindare al no di Lula. Forse hanno festeggiato troppo presto, perchè stavolta l’Italia si è messa di … Continue reading

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives