archives

pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1
pinoscaccia has written 1494 posts for La Torre di Babele

L’Aquila, dieci anni dopo

I miei amici aquilani lo sanno tutti: ero appena sceso dall’aereo proveniente dal paradiso brasiliano quando mi sono ritrovato nell’inferno del terremoto. Primi collegamenti dall’ospedale e un mese abbondante tra le tende. Da allora sono passati esattamente dieci anni che sembrano un’eternità ma che rispetto alle grandi tragedie invece non sono niente. Fra tre giorni … Continue reading

Ho abbracciato e baciato la Storia

Vi è mai capitato di parlare con la Storia? Di guardarla negli occhi, abbracciarla, baciarla? Di cantare insieme “Bella ciao”? Nel mio infinito percorso con la memoria mi è capitato di stringere la mano a un valoroso alpino (Viareggio), a uno degli ultimi cappellani militari (Torino) ma l’emozione che ho provato ieri davanti a Jole … Continue reading

“Dittatori” ha colpito nel segno

In attesa di andare a presentare il libro al Caffè di Raiuno, forse è arrivato il momento di fare un punto su “Dittatori”. Sicuramente la mia ultima opera (la dodicesima) in coppia con Anna Ravaglione ha sfondato, l’idea è stata buona e la gente ha apprezzato dappertutto. Abbiamo venduto molte copie ma come ha detto … Continue reading

I soldi di Putin alla Lega

La trattativa per finanziare la Lega con soldi russi è iniziata perlomeno l’estate scorsa. Già allora l’obiettivo era nascondere il sostegno economico dietro una compravendita petrolifera. Lo dimostra un documento del 24 luglio. Un’offerta inviata da Gianluca Savoini, l’uomo di Matteo Salvini a Mosca, e ricevuta da una società russa che condivide gli uffici con … Continue reading

Matteo Boe, sussurri e grida

L’ho visto di persona una sola volta, a Tempio Pausania per il processo Farouk. Una belva in gabbia, una pantera: impressionante. Ma me ne ha parlato a lungo la moglie, Laura Manfredi, conosciuta a Bologna, all’università segno anche di un mito che non esiste più, quello dei sequestri rurali. Tre figli, concepiti in latitanza, quasi … Continue reading

Finalmente è sparito quel ghigno

L’ho sempre sognato. Il ghigno, gli sparirà il ghigno. Quel sorrisino indisponente che mi ha inseguito per un anno in Brasile. A Papuda, periferia della capitale-ufficio Brazilia mi ha perseguitato molto da vicino. Sono entrato nella sua cella, la numero 5 di un carcere dove non è mai fuggito nessuno, grazie alla benevolenza del direttore … Continue reading

“Dittatori”, l’undicesimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere. Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione … Continue reading

Niente è più come prima. Ma come appare

L’ho ripetuto molte volte. Quello che, già alla fine degli anni 60, temeva McLuhan, cioè il padre del villaggio globale. Aveva paura infatti che la gente affittasse il cervello. Un concetto peraltro su cui un altro filosofo, Umberto Eco, si è espresso anni dopo in maniera molto meno romantica: che il villaggio diventasse la terra … Continue reading

Cancellano la memoria, affidano i diritti umani a chi invoca i forni crematori e assolvono chi inneggia alla distruzione totale del sud

Sembra quasi che lo facciano per sfregio, per dimostrare che comandano loro. Stamattina è stata eletta presidente della commissione diritti umani la senatrice leghista Stefania Pucciarelli, quella che invocava i forni crematori, che appoggia le ruspe, è contraria al riconoscimento dei diritti delle persone Lgbt, scrive cose come “le zecche dei centri sociali”, è contraria … Continue reading

Rai, occupazione totale: mai successo. Neanche ai tempi del cosiddetto monopolio democristiano.

Mai successo. Io sono entrato alla Rai all’epoca della lottizzazione quindi lo posso dire con cognizione di causa. Il direttore del Tg1 era democristiano (di sinistra, perché il congresso aveva deciso così), il capocronista era comunista, il capo degli speciali socialista, altri posti di comando erano socialdemocratici e liberali. Lottizzazione, sempre usata come parolaccia, era … Continue reading

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives