you're reading...
amarcord

Ritorno “in”Ancona

Ogni viaggio nelle Marche per me è un viaggio nel tempo. Sedici anni non si cancellano così anche perché Ancona significa anni duri, quelli dell’inizio nel giornalismo, ma anche di grandi soddisfazioni. Anni felici che hanno accompagnato i primi passi della famiglia culminati nel frutto più prezioso, un figlio, nato all’ospedaletto. L’orgoglio di due battesimi importanti, il giornale e la Rai regionale, tanti amici, troppi ricordi per poterli solo sfiorare ma certo una parte importante riguarda il Covo nord est del mitico Carraro, dove sono stato a stretto contatto con stelle internazionali, poi il bar Torino di Gualtiero e Rita, ma anche Polverigi. L’ho ricordato sul palco con grande emozione per il legame con la persona a me più cara che purtroppo non c’è più. Quelle cene a casa mia con Roberto Cimetta che amava la coda alla vaccinara e il sogno di In Teatro poi diventato realtà. Quelle notti a villa Nappi con Gabriele cresciuto con le follie dell’avanguardia che qualche segno hanno lasciato… Stavolta sono andato oltre e ho fatto un blitz “in” Ancona. La prima casa, al Passetto, la seconda da scapolo a piazza Roma dopo i primissimi tempi all’hotel Gino alla stazione, e la terza (l’ultima) da papà in via Martiri della Resistenza. Passaggio davanti allo stadio Dorico che mi ha segnato per anni. Un’occhiata velocissima in via Berti, sede ancora del Corriere Adriatico, e naturalmente alla magnifica sede della Rai con vista sul porto. Non poteva mancare un abbraccio finale dall’alto di San Ciriaco che ci protegge tutti. Al tramonto, uno spettacolo mozzafiato come sempre. Un tuffo nei ricordi e un trauma nel presente, con la geografia del traffico completamente sconvolta. Fino alla sorpresa di corso Garibaldi isola pedonale. Cosa non si fa per entrare nella storia.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

One thought on “Ritorno “in”Ancona

  1. Che meraviglia questo viaggio nel tempo, fatto di immagini dell’anima. In una città sicuramente magica, affacciata sul mare dei tuoi ricordi e testimone fiera di quei primi passi che t’han portato lontano, verso orizzonti di straordinario e meritatissimo successo.

    Posted by annaraviglione | 24 July 2019, 00:49

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: