you're reading...
russia, tribù

I soldi di Putin alla Lega

safe_imageLa trattativa per finanziare la Lega con soldi russi è iniziata perlomeno l’estate scorsa. Già allora l’obiettivo era nascondere il sostegno economico dietro una compravendita petrolifera. Lo dimostra un documento del 24 luglio. Un’offerta inviata da Gianluca Savoini, l’uomo di Matteo Salvini a Mosca, e ricevuta da una società russa che condivide gli uffici con due aziende intestate all’oligarca Konstantin Malofeev. La trattativa è proseguita il 18 ottobre, con l’incontro all’Hotel Metropol, a pochi passi dal teatro Bolshoi e dalla piazza Rossa. Quel giorno Savoini è seduto nella hall dell’albergo con tre russi e due italiani. L’Espresso

140009488-33b2fac0-1644-4924-a6bc-0c9c04516c1dQuando ho letto dell’accordo tra l’oligarca amico di Putin e la Lega ero sicuro che fosse avvenuto al Metropol, crocevia di tutti gli affari, puliti ma soprattutto sporchi, della Russia nell’ultimo secolo. In quell’albergo di Art Nouveau costruito all’inizio del ‘900 ci sono passati tutti. Da Lenin a Tolstoj, ma anche John Kennedy, Rockfeller e Sharon Stone. Fu in quella hall che si strinsero la mano Stalin e Mao. Con leggero fastidio…. noto nelle cronache che non sono mai citato io che pure in quelle stanze ho soggiornato per mesi. mCome qualcuno saprà infatti sono stato a Mosca con permanenze da corrispondente per il Tg1 praticamente due anni, dal ’91 al ’93, cioè dal primo al secondo golpe. La Rai non era quella di oggi e allora investiva sugli inviati e li trattava molto bene. Così mi concesse il Metropol, roba che già allora costava una cifra. Ma era un alloggio strategico dove incontravi tutti. A un passo da piazza Rossa ero ormai talmente un habituée che mi concedevano una stanza proprio di fronte al teatro Bolshoi. Ricordo i fantastici mosaici all’ingresso ma soprattutto i violinisti su ogni piano e l’arpista nella sala colazioni. Era, in una parola, il più bel posto di Mosca. E probabilmente lo è ancora. I ricordi sono tanti anche se lontani ma non posso dimenticare che ero pure nella piazza adiacente alla Lubianka e ovviamente a pochi metri dal Cremlino. Uscendo però per la passeggiata serale potevo ancora emozionarmi dallo spettacolo mozzafiato della piazza Rossa (“Midnight in Moscow”) specie con la neve o deliziarmi con il lungo-Moscova. Cattura10 E’ lì che ho visto nascere (e crescere) la mafia russa sulle ceneri della nomenklatura, è lì che è apparsa subito evidente la vendita dell’impero sovietico da Eltin agli americani, come ho raccontato in “Mafjia”. Tornato vent’anni dopo mi sono reso conto che il grande sogno era tramontato, la capitale dell’impero era diventata più capitalista dell’altra faccia della luna, e che Lenin (e Stalin) erano ormai solo un’attrazione per i turisti.

DSC_2130.jpg

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

2 thoughts on “I soldi di Putin alla Lega

  1. Bei tempi quando Mosca finanziava i partiti comunisti, ora ha cambiato idea..
    Un po’ inquartato Lenin.

    Posted by aurelianoflavio2 | 5 March 2019, 00:20
  2. ” La vendita dell’impero sovietico da Eltin agli americani” afferma Pino Scaccia … più che una vendita è stato il pagamento di una cambiale, il crollo del’impero sovietico aveva costretto gli U.S.A. ad farsi paracarro mondiale nei santuari atomici U.R.S.S abbandonati o forse preda delle Vestali, scusate la dicotomia fra il prosaico paracarro e lo spirituale (sic) … Vestale …. PURTROPPO l’equilibrio pentapolare ipotizzato da Kissinger non è nato e le varie mafie dl pensiero, della comunicazione e dell’azione mapipolano i comportamenti delle persone ben mantenute ignoranti e settarie e senza capacità di profondità storica …..

    Posted by Giuseppe Parisi | 5 March 2019, 07:41

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: