you're reading...
sequestri, tribù

Matteo Boe, sussurri e grida

L’ho visto di persona una sola volta, a Tempio Pausania per il processo Farouk. Una belva in gabbia, una pantera: impressionante. Ma me ne ha parlato a lungo la moglie, Laura Manfredi, conosciuta a Bologna, all’università segno anche di un mito che non esiste più, quello dei sequestri rurali. Tre figli, concepiti in latitanza, quasi una beffa allo Stato. E’ stato 25 anni in carcere, fino al 2017. Adesso frequenta un corso di formazione per guida ambientale turistica escursionista. Ha 61 anni ma è in perfetta forma fisica. E dunque, se vincerà il concorso regionale, passerà il resto della vita come ha sempre fatto: scalando le sue montagne ma stavolta accompagnando i turisti, non sequestrandoli. Un destino che s’intreccia con quello di Graziano Mesina che, prima di tornare nuovamente in carcere, non poteva che fare la guida turistica a Orgosolo. Come se si fossero passati il testimone non solo nell’Anonima Sarda. Nel libro “Sequestro di persona” (Editori Riuniti, 2000) ho scritto molto di Matteo Boe. Questa è una sintesi.

1cc34d72-4bbd-11e7-bcad-6e8de384d9e7

Laura Manfredi è la compagna da molti anni di Matteo Boe. Non bellissima ma attraente. Soprattutto intelligente, carismatica, con due occhi che possono competere con quelli da pantera del suo uomo. Gli ha dato tre figli, a dispetto della lunga latitanza. “Più ti conosco – le ho detto una volta, in confidenza – e più sono convinto che c’eri tu sul gommone a prendere Matteo che scappava dall’Asinara”. (…)Una circostanza che non è mai stata accertata ma su cui Laura naturalmente non apre bocca, limitandosi a sorridere, compiaciuta.

Il primo incontro con la Manfredi è avvenuto quando ancora Boe non era stato arrestato. Abbiamo cercato la sua casa, a Lula. Ma prima di chiedere al bar centrale, siamo saliti in un’altra casa, quella di Mario Asproni, condannato a trent’anni per il rapimento di Farouk. Era uno dei due uomini ritratti davanti alla presunta grotta dov’era rinchiuso il bambino nelle foto trovate nel borsello di Boe quando fu arrestato in Corsica. Ci serviva il “lasciapassare”. In certi posti della Sardegna funziona così.

downloadEcco dunque la donna del presunto capo dell’Anonima. Ammesso che ancora esista un’Anonima. In realtà Laura si sente un po’ la compagna di “Robin Hood”. Bisogna sapere, anche per capire che forse qualcosa sta cambiando, che si sono conosciuti a Bologna, all’università. Mi accoglie accanto ai tre figli.

– Laura, chi è Matteo Boe?+”Sicuramente una persona che ha sequestrato una donna, dieci anni fa. Lo ha confessato ed è stato condannato. Ma so anche che è accusato di molti altri sequestri”

–  Secondo gli inquirenti è un capo.

“Pensano che sia il capo perchè non è come gli altri. Forse ha più cervello. Come se fosse una colpa parlare di isolamento”.

– In latitanza avete fatto tre figli

“Forse non siamo bestie come pensa la gente. C’è spazio anche per l’amore. Ma significa anche, voglio essere sincera, che poi non c’è tutto quest’impegno dello Stato per prendere i latitanti. Ci si muove soltanto quando l’opinione pubblica è indignata”.

(…)

– Credi nella giustizia?

“Io non sono sicura che Matteo, come tutti gli altri, sia sempre stato giudicato sui fatti e non costruendo teoremi. Il capo storico dell’Anonima Sarda, Graziano Mesina, disse una volta che un latitante è un coperchio per coprire molte pentole. Temo che questo ai processi sia stato il destino di Matteo. La fama di capo certo non gli ha giovato”.

– Cosa pensi dei sequestri?

“Un delitto fra i più gravi. E’ grave però anche l’ingiustizia sociale”.

– Quando finiranno i sequestri?

“Questo è un paese dove volano ancora aquile e falchi, grifoni e cormorani, dove mufloni, cervi e volpi vivono liberi, dove i monti e le foreste, le valli e le grotte rimandono echi, suoni, storie e leggende di mondi antichi. Questa è gente fiera ma pudica, quasi ritrosa. Qui ci sono silenzi importanti, positivi. Quando finiranno i sequestri? Quando questa gente sarà capita, aiutata e finirà l’ingiustizia”.

imagesDunque, a quattro anni di distanza dal sequestro, per la giustizia i custodi e i vivandieri di Farouk sono stati due pastori: Mario Asproni, 36 anni, e Ciriaco Baldassarre Marras, 27, entrambi di Lula come Matteo Boe. Le foto davanti alla grotta-prigione li hanno incastrati. (…) Il processo, ineccepibile da un punto di vista tecnico, ha offerto solo squarci di verità su un sequestro clamoroso, ancora pieno di ombre, anzi di autentici buchi neri. Farouk è stato rapito almeno da dieci persone: e gli altri otto? Quella sul Montalbo è stata sicuramente una delle prigioni: e le altre due, forse tre? (…)Per non dire della cattura troppo facile di Matteo Boe. Quanti misteri, ancora: troppi.

La Barbagia, terra emozionante e selvaggia, è famosa per i silenzi. Ma ci sono cose forti che comunque sono espresse sottovoce. Sussurri e grida. Queste voci che non sono di nessuno e sono di tutti raccontano, ad esempio, che il miliardo e ottocento milioni che il Sismi avrebbe inserito nel riscatto per Farouk sia servito in realtà per convincere Matteo Boe a costituirsi. Raccontano anche di un viaggio di Laura Manfredi in Corsica con i figli: stranamente senza essere seguiti. Tre giorni di pace, passeggiate, incontri. Poi, all’improvviso, i gendarmi.

Strano posto la Barbagia, abitata da gente cocciuta, che in genere non parla e poi invece insiste a raccontare quando non vuoi sapere, perchè sono storie troppo pericolose.

 

 

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

2 thoughts on “Matteo Boe, sussurri e grida

  1. Ecco, ha pagato il debito con la giustizia e va bene. Ma sentire dire a sua moglie che l’ingiustizia sociale è una delle concause dei sequestri, un po’ mi urta

    Posted by aurelianoflavio2 | 20 February 2019, 00:22

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: