you're reading...
terremoto, tribù

Morire di tsunami

DSC00658

Mi voltavo verso l’oceano e avevo paura, specie quando era buio. Ho conosciuto anch’io la devastazione assoluta dello tsunami, nel 2004 in Sri Lanka. Un autentico paradiso che in pochi minuti è diventato un inferno. Ricordo che a Galle, a nord di Colombo, c’erano accatastati tremila cadaveri. Andavamo ogni giorno e al ritorno buttavamo le scarpe perché erano impregnate dall’odore di morte. Poi siamo saliti ancora più su e in territorio tamil abbiamo messo i piedi su quella che era stata una piccola Atlantide, l’isola di Kinnia, che per un’ora è stata sotto l’acqua, portandosi tutti gli abitanti, e poi è riemersa. Ho visto da vicino il treno che un’onda ha fatto diventare una bara gigantesca. Sono tornato altre due volte: sei mesi e un anno dopo come garante dell’aiuto dato attraverso gli Sms. Non ho più trovato le macerie e quelle insenature così magiche erano tornate territorio dei pescatori assoluto. Il dolore non era scomparso ma negli abitanti era tornato il sorriso. Perché i cingalesi, gente mite e generosa, sorridono sempre. Ma  come puoi battere la natura? Come puoi scappare in pochi minuti da onde forti e gigantesche che s’infilano come schiaffi per chilometri dal mare dentro le campagne trascinando tutto e tutti?

Adesso leggo delle 1200 vittime in Indonesia e piango per loro. 

DSC00696

DSC00858

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: