you're reading...
afghanistan, tribù

A Kabul si continua a morire

pino hotel

Passati dicembre (2001) e gennaio (2002) in una casa afghana malmessa e con le finestre rotte (di notte si scendeva a meno venti pechè Kabul, lo ricordo, sta a duemila metri) sentimmo parlare della riapertura dell’hotel Intercontinental chiuso per tutta la durata del regime talebano. In effetti avevano riaperto solo i primi tre piani ma certo valeva la pena provare. Stava in alto, dominava la città, ma era lontano dal centro e di notte insomma non era un bel viaggio. Mi convinse Shafiq. Le ore di differenza di fuso erano tre e mezza e dunque dopo la diretta delle 20 si andava, al buio totale, intorno a mezzanotte. Il livello non era granchè. Ci rimasi due settimane. Non mi sentivo sicuro, giravano troppi butti ceffi. Decisi di tornare al centro vicino al centro tv e a tutte le ambasciate. Molto meglio essere protetto da tagiki in una città tagika. Tornammo in un albergo molti anni dopo quando aprì il Serena hotel ma anche lì ci furono assaltti dei talebani.

Ho letto che ieri hanno di nuovo fatto irruzione all’Intercontinental. Ufficialmente diciotto morti, ma c’è chi dice 43. In un altro attacco già nel  2011 ci furono venti vittime. Non c’è pace per l’Afghanistan. Una vita (17  anni) fa e molti morti dopo la pace sembra ancora lontana, così come in Iraq. Forse bisogna davvero chiedersi a questo punto se bisogna sempre rispondere al richiamo americano.

Non posso evitare di ricordare che quando non rispondevo al cellulare, Shafiq chiamava a casa. E raccontava tutto a Rosaria. Una volta le mandò anche un  burka: lo provò, restò choccata. Lei restituiva con biscotti per i bambini.

Aftermath of armed attack on Interncontinental hotel in Kabul

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: