you're reading...
tribù

Dietro la vita di un reporter

887

Cosa c’è dietro la vita di un reporter? Chi mi segue da anni sa che ho cercato di raccontare l’orgoglio di attraversare la storia, ma anche tutti i disagi di un mestiere affascinante ma difficile. Sì, disagi: ancor prima dei rischi. Qualcuno già la conosce, ma oggi mi sento di condividere una chicca per tanti anni riservatissima, strettamente privata. Me l’ha chiesta Franco Ceccarelli per farla vedere alle figlie. Era il mio compagno di viaggio in Kuwait, prima guerra del Golfo (1991), insieme a Paolo Casini che ha montato questo blob tutto nostro per esorcizzare fame e paure ma anche per passare il tempo in quel territorio devastato. C’è l’incontro con Oriana Fallaci, c’è la nuvola nera ma ci siamo soprattutto noi che “cazzeggiamo” anche dentro i pozzi che bruciano. Siamo giovani, inesperti ma anche coraggiosi e appassionati. Insomma, la prova che anche i reporter hanno un’anima e che in fondo è “sempre meglio che lavorare”.

Che siamo stronzi piccoli noi? Blob Kuwait

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: