you're reading...
tribù

Ostia non è più la stessa

gruppo3

Mi fa male solo a parlarne, ma la chiusura della pizzeria Gruppo a Ostia (ma spero che si tratti solo di un trasferimento) è un grande dolore. Non ci vado più da quando è morto Roberto, ma è solo per tristezza. Roberto non era solo un amico e un grande storico, inseguendo il sogno di una città dove c’è solo un quartiere, ma quello capace di riunire ogni anno, per anni, tutti i giornalisti locali, a qualsiasi latitudine. Com’ero felice quando mi organizzò la presentazione de “La Torre di Babele” trasformando il ristorante in un luogo dove c’era innanzitutto cultura. Chiedo perdono a Emiliano se non sono stato così forte da far finta di niente. Ma non ce l’ho fatta a non vedere più Roberto. Sicuramente Ostia non è più la stessa e forse neanch’io.

n1553992050_109803_887

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: