you're reading...
tribù

Morto un clochard

cattura

Il mio palazzo sta a ridosso di una delle tante pinetine di Ostia. Una sera, portando a spasso Eddy, il cagnolino di mia nuora, ho scoperto un uomo sotto un albero. Eddy ha abbaiato, lui si è spaventato. La mattina dopo l’ho visto ai margini della pineta, sotto il grande serbatoio dell’Acea. Si era costruito un giaciglio molto “ricco”, c’era pure una carrozzina forse sua o forse trovata chissà dove. Ieri ho letto che quell’uomo è morto. Probabilmente non c’entra il freddo perché  non è ancora una stagione rigida. Magari era malato o magari è morto di fame perché pur avendo scelto il nostro quartiere è sempre stato invisibile. Mai a chiedere elemosina, mai a chiedere niente di niente. Dicono che aveva sessanta anni e quasi sicuramente era ucraino. Il suo destino era segnato da tempo: è scomparso in silenzio, solo, come ha sempre vissuto. Nessuno conosce il suo nome, ma quella presenza lascia incredibilmente un grande vuoto. Non c’è stato nessuno nella mia strada che gli abbia chiesto della sua vita e se aveva bisogno di aiuto. E probabilmente nessuno ora lo piange. Poche righe in cronaca, neanche un particolare: “Morto un clochard”. Come se clochard fosse meno brutto di barbone. Oggi, tornando a casa, ho dato un’occhiata a quell’angolo vicino agli alberi. Il suo giaciglio, l’ultima traccia della sua esistenza, era sparito. Quell’uomo forse potevamo salvarlo con poco. Di questo mi resta il rimpianto. Ma in questa società così difficile e disumana a malapena riusciamo a pensare a noi stessi. Figuriamoci agli altri.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

5 thoughts on “Morto un clochard

  1. Caro Pino, se mi permetti inserisco un mio post di qualche settimana fa.
    Non è pubblicità, ma un piccolo omaggio a questo povero disgraziato, più disgraziato di chi non si rende conto che chiunque, per le vicissitudini della vita, può finire come questo povero Cristo.

    https://ilblogdeisopravvissuti.wordpress.com/2016/09/04/tito-dei-portici/

    Posted by Walter | 25 October 2016, 23:20
  2. Reblogged this on IL BLOG DEI SOPRAVVISSUTI.

    Posted by Walter | 25 October 2016, 23:23
  3. Ha avuto dignità. Siamo Noi i colpevoli. Dovremmo vergognarci per la nostra indifferenza nei loro confronti mentre continuiamo a preoccuparci di chi continua ad arrivare sui barconi portando con sé malattie e… prostituzione.

    Posted by Maria | 26 October 2016, 17:41

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: