you're reading...
iraq, tribù

Nuova strage a Baghdad: 120 morti

download

In questa guerra ormai senza confini del terrorismo, non siamo più solo noi, i “crociati”, gli obiettivi  ma tutti quelli che sfuggono al fondamentalismo più radicale. Non è più neanche un conflitto di classe perché pare che gli attentatori di Dacca fossero tutti figli di famiglie benestanti. Hanno colpito – secondo le testimonianze – tutti quelli che non conoscevano il Corano. Così come a Istanbul. Il fanatismo religioso jihadista non finisce mai, non concede tregua, si dissemina per il mondo, colpisce con ossessiva caparbietà.

Stiamo ancora piangendo i morti del Bangladeh che arriva un’altra notizia drammatica da Baghdad: un camion frigorifero imbottito di esplosivo ha fatto strage nel quartiere più elegante della capitale irachena. Spezzando l’Eid al Fitr, la festa del fine Ramadan a Qarrada, simbolo della svolta di un Iraq che ancora sanguina dopo tredici anni: almeno 120 morti secondo il primo bilancio, 140 feriti. Intere famiglie saltate in aria, molti bambini, aggiungendo odio a odio. Sembra che contemporaneamente un altro ordigno sia esploso a Baghdad est, provocando altre vittime: l’ennesimo kamikaze che si immola sull’altare dell’orrore. La folla ha sfogato la rabbia colpendo con pietre il convoglio del primo ministro al Abadi. Sciiti, tutti sciiti a una settimana dalla liberazione di Falluja che faceva seguito a quella di Ramadi. Immediata la rivendicazione dell’Isis. Segno che è una guerra che sembra non conoscere sbocchi, nonostante i tanto sbandierati raid aerei americani.

Ma forse è la fine dell’Isis, questa è la speranza. Sconfitto sui campi di battaglia (in Siria come in Libia) il Califfato intensifica il terrorismo dando l’impressione a tanti osservatori che si tratti di colpi di coda disperati. Di sicuro continua a mietere vittime civili, islamici “deviati” che massacrano il proprio popolo e anche chi racconta il dramma: sette giornalisti  giù uccisi quest’anno, 314 morti dall’inizio del conflitto, 438 secondo il sindacato iracheno. In questa geografia religiosa a tratti incomprensibile, anche perché inquinata da realtà tribali, l’unico dato certo è che  la cosiddetta democrazia imposta dal mondo occidentale ha semplicemente ribaltato la situazione, mettendo le vittime dalla parte dei carnefici e viceversa. A noi interessava il petrolio, a loro adesso interessa il Corano. Continuo personalmente a rifiutare l’idea di una “guerra santa”, preferisco pensare a uno scontro di civiltà, ma i segnali sono preoccupanti.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: