you're reading...
terrorismo, tribù

Quell’odio infinito che è già tra noi

omar-mateen-808157_tn

L’ultima infamia riguarda le restrizioni  nelle donazioni di sangue. Residuo di un pregiudizio legato all’antica epidemia di Aids, i gay non possono soccorrere i loro compagni feriti. E’ l’aspetto omofobo di gran parte della comunità americana che si aggiunge a un altro falso e drammatico problema: il proliferare delle armi che punta su un passato che è quasi preistoria, il diritto a difendersi in base al quinto emendamento datato 1789, quando c’era il far west. Dopo la strage di Orlando la lobby delle armi è tornata ad alzare la voce contro ogni monito del presidente Obama: “Sarebbe bastato un solo uomo armato per fermare l’assassino”, subito sostenuta da Trump che non vede l’ora di scagliarsi anche contro l’immigrazione. Ma è tutto sbagliato.

Omar Mateen non è arrivato illegalmente attraverso chissà quale frontiera, ma era nato 29 anni fa a New York. Piuttosto la strage è l’ennesima prova che non serve blindare i confini perché l’odio è già tra noi e soprattutto che sono sbagliate molte leggi legate alla sicurezza. Omar, come guardia giurata aveva già protetto edifici governativi, fino a quando l’Fbi si era messa sulle sue tracce, interrogandolo per ben tre volte sulle assidue frequentazioni della moschea sotto casa. Lo avevano rilasciato ma era sicuramente nella lista nera. E com’è possibile che un individuo così schedato possa acquistare una pistola e un fucile automatico?

Piuttosto bisognerebbe interrogarsi sull’ennesimo scontro di civiltà. E’ successo a Londra, in Francia, in Belgio: cittadini europei, cioè nati qui, che vivono la nostra cultura ma sono ubriachi della follia fondamentalista. Si calcola che soltanto negli Stati Uniti siano ottocento addirittura i cosiddetti terroristi “dormienti”. E non poteva, tornando a Omar, non creare allarme l’origine afghana del padre Seddique che ha sempre tifato, anche pubblicamente, per i talebani. Proprio pochi giorni prima del bagno di sangue al “Pulse” aveva diffuso un video in cui si mostrava in divisa e chiedeva la rimozione del governo di Kabul. Non è possibile che ci si accorga sempre dopo. La storia di Omar Mateen, lupo solitario, è piena di violenza: Sitora, la moglie uzbeka picchiata fino al divorzio, e poi il figlio portato in moschea, l’appello di Al Adnani, portavoce dell’Isis, a colpire i “crociati” per celebrare il Ramadan. Soprattutto quel padre così dichiaratamente amico di al Qaeda. Cioè di quei talebani che odiano musica e giochi, ossia la vita, quei talebani che i gay li buttano dalla torre, quei talebani che andiamo a combattere sulle loro montagne. E  che invece sono così vicini a noi.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

One thought on “Quell’odio infinito che è già tra noi

  1. Più che pregiudizio infame, questa restrizione del sangue gay è razzismo da bovari.
    Il mito (?) della società globale che sprofonda in se stessa. Comunichiamo con persone dall’ altra parte del mondo, ma con la coscienza non riusciamo a vedere oltre il nostro naso o nel migliore dei casi entro i limiti del nostro cortiletto.
    – Permesso … permesso … vorrei scendere, grazie. Fa niente se il treno è in corsa, mi faccio lo stesso meno male.

    Posted by Walter | 13 June 2016, 19:17

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: