you're reading...
terrorismo, tribù

Hakim, l’afghano: paura del diverso

13227233_10154166891350238_1911088692696430255_n

L’esempio più clamoroso è sicuramente quello di Guido Menzio, l’economista italiano fatto scendere dall’aereo per colpa di una signora ignorante e sospettosa che ha scambiato appunti di fisica per scritte in arabo. Ma gli episodi sono tanti: clamoroso l‘equivoco capitato a Nainggolan, calciatore della Roma, scambiato per un terrorista dai clienti di un albergo ad Anversa, la sua città, solo perché ricoperto di tatuaggi. Per non dire del volo Vienna-Londra evacuato dopo l’allarme per un irakeno calmo e tranquillo. Tutti frutto di una psicosi collettiva e risolti comunque in pochi minuti. L’atmosfera da panico (anche in Italia) poi però fa cadere talvolta nel tranello anche gli inquirenti chiamati a una maggiore cautela. Come nel caso di Bari dove Hakim  Nasiri, 23enne afghano, ha passato due notti in cella senza motivo, solo per qualche dettaglio distorto che ha fatto addirittura ipotizzare un  quadro terroristico spaventoso, rilanciato come un’inchiesta sopraffina.

L’immagine con il mitra (finto, di plastica) era un’idea di un vecchio datore di lavoro, il selfie con il sindaco solo vanità, la foto contro Malala uno scherzo, il video al centro commerciale di un amico che voleva far vedere ai suoi parenti dove si trovava (preso come un sopralluogo per un attentato). Hakim ha spiegato, appena uscito dal carcere: “”Mio padre è stato ucciso dai talebani, io ho lasciato in Afghanistan mia madre e una sorella piccola, rimanere nel mio Paese era complicato sia per la presenza dei talebani che degli americani. Sono venuto in Italia per lavorare, aspetto i documenti, voglio aprire un Internet point oppure darmi allo sport: so giocare molto bene a cricket e mi piacerebbe insegnare ai più piccoli a praticarlo. Il terrorismo? Le persone cattive sono ovunque, cristiani o musulmani, andassero a prendere quelli cattivi, io sono una brava persona. In cella non ho fatto altro che piangere e pregare. Io voglio soltanto vivere”.

Dunque, succede e ne dobbiamo prendere atto. Ma perché? Certamente per i fatti gravissimi e dolorosi accaduti nel mondo, ma anche (soprattutto) per il clima di odio diffuso da chi, per motivi politici, ha interesse a ingigantirlo. Per capirci: Trump in America o Salvini da noi, cioè tutti quelli che cavalcano la paura del diverso. Pericolosissima, senza senso. Inutile chiudere le frontiere perché sono già fra noi, inutile esasperare la sicurezza perché i terroristi non passano certo dai varchi aeroportuali. L’unico risultato è di amplificare il razzismo come quella donna che si è rifiutata di stare accanto a un nero o all’ebreo ultraortodosso che non voleva stare accanto a una ragazza. Come dire che i veri talebani sono fra noi. Facendo oltretutto proprio un piacere ai terroristi che hanno l’unico scopo di metterci paura, di farci vivere male.  Giudichiamo le persone per quello che fanno, non per quello che sono.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

One thought on “Hakim, l’afghano: paura del diverso

  1. La legge dei grandi numeri, del simbolismo, della suggestione e degli archetipi (Jung) non perdonano: Gauss, De Finetti, Volterra…accettiamo.

    IL MONDO NON ESISTE ESISTE LA NOSTRA INTERPRETAZIONE DEL MONDO AFFERMAVA KANT, ovviamente tanti manipolatori sono intenti a formare la nostra secondo i loro desideri

    Posted by Giuseppe | 13 May 2016, 18:09

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: