you're reading...
tribù

Ricordo di una notte infernale

1

Mezzanotte, “in” Ancona piove a dirotto. Finalmente ho in programma un giorno di riposo dopo tanto tempo. Mi chiama il caporedattore, il grande Grifoni: “Vai a vedere, pare che ci siano danni. Ti metto in piedi una troupe”. E’ il 13 dicembre 1982. Fiara e Possedoni mi passano a prendere a casa, in provincia è tutto a portata di mano. Andiamo verso il mare. E’ buio, è saltata la corrente elettrica. Vediamo scene apocalittiche, non ci aspettavamo tanto: i binari della ferrovia sono divelti, le case giù, la strada (la Flaminia) letteralmente accartocciata su se stessa. Andiamo avanti proprio sui binari e più andiamo avanti e più scopriamo l‘inferno. Ci chiediamo: quando finirà, cosa troveremo più avanti? Cominciamo ad aver paura, sfiorando i fili ad alta tensione. Arriviamo a piedi, inzuppati di pioggia, fino a Torrette. L’apocalisse lì  finisce.

Nella mia vita mi è capitato poi di vedere di tutto, anche il disastro dello tsunami, ma l’impressione di quella notte resta indelebile.

Chiediamo ai vigili del fuoco: ci indicano Posatora. Saliamo. La collina è venuta giù, anzi è scivolata verso il mare portandosi dietro palazzi e due ospedali, l’oncologico nuovissimo. Un disastro. Rientriamo in città all’alba, ma non c’è tempo di dormire. Dirette su dirette: io sul Tg1, segno del destino che in qualche maniera quell’evento ha favorito. Avevo già vissuto nel ’72 il lungo terrificante terremoto, stavo a “Corriere Adriatico”, la casa lesionata, le giornate in tenda, le notti in tipografia fra le scosse, la fuga a Jesi. Se non fosse per il motivo principale (un figlio nato all’ospedaletto) già basterebbero queste due tragedie per fami sentire … un po’ anconetà.

2

 

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: