you're reading...
tribù

La forza della cultura

gabbiano

Non dev’essere stato un caso, ma un gabbiano oggi mi ha accolto al’arrivo in Campidoglio. Da anni faccio parte della giuria del Premio AlberoAndronico, una grande rassegna di letteratura e arte varia: migliaia di partecipanti da tutto il mondo e di tutte le età. In un momento mediatico così schizofrenico è molto confortante sapere che ci sono ancora persone con la voglia di scrivere, comunque di esprimersi. E ancora più stordente la sorpresa di vedere giovanissimi alle prese con il raccontare. Stiamo vivendo un momento assai tragico della nostra civiltà e quelli che la pensano in maniera corretta sostengono che si può uscire dalla crisi solo con la cultura. Solo con la cultura si può battere l’ignoranza, avvicinarsi gli uni agli altri, anche se diversissimi. Con la cultura insomma si può allontanare il dolore e sconfiggere il grande nemico dell’umanità: la guerra.E anche un premio letterario può fare la sua piccola, grande parte.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: