you're reading...
afghanistan, tribù

Dal buskashi al calcio

image002

La prima, e forse anche l’ultima, volta che sono andato allo stadio di Kabul ho visto una sfida di buskashi, lo sport tradizionale afghano che i talebani avevano vietato perché “immorale” (toh!). In pratica una specie di “polo” con la testa di una capra (ma in antichità era la testa di un prigioniero) seguito entusiasticamente dal pubblico afghano. Era una domenica e ricordo di aver conosciuto in tribuna anche Peter Arnett, il reporter della Cnn megafono, una volta, di Saddam da Baghdad. Silenzioso, imbronciato, dismesso: molto lontano dai fasti passati.

Bene, non so se si tratti dello stesso stadio (presumo di sì) ma ho rivisto quegli spalti per Murtaza, il piccolo campione che sogna di diventare Messi. In quello stadio oggi, dopo molti anni, si gioca a calcio. Ed è già una grande riscossa.

123409912-758df10c-a5fa-497c-9d79-f2bbc75d2bbf

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: