you're reading...
tribù

La normalità

Letta dopo, sembra quasi una barzelletta. “Urla ovunque, gente che scappava”: le testimonianze di chi stava alla stazione Termini durante quei  quaranta minuti d’incubo fanno sorridere appena si è saputo che si trattava di un fucile giocattolo da regalare al figlio. Intanto non ridicolizziamo tanto la paura dei romani perché negli stessi minuti è successa la stessa cosa in Francia per una pistola finta, senza considerare che negli Stati Uniti la polizia ti spara subito per qualcosa che somiglia sia pure vagamente a un’arma. Il problema è che stiamo tutti cambiando. Chi di noi ha frequentato guerre per lavoro ha sempre sostenuto che è una questione di “normalità”. In genere sei terrorizzato nei primi due-tre giorni quando dalla nostra normalità ti ritrovi in un’altra normalità, fatta di uomini armati. A Kabul o a Baghdad è assolutamente “normale” vivere in mezzo alle armi, è normale addormentarsi con la musica delle sparatorie come colonna sonora, è normale anche avere un mitra puntato addosso. Poi ti abitui e non hai più paura se non incappi in un pericolo reale. Ecco, noi siamo ancora fermi alla nostra “normalità” dove un uomo con un fucile (sia pure finto) riesce ancora spaventarci. E in fondo è una fortuna. Speriamo di non  doverci mai abituare a un’altra situazione di “normalità” anche se ormai la nostra vita è abituata alle minacce.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: