you're reading...
tribù

Adesso sono un’aquila

Una volta ero un gabbiano. Lo sono stato per tanti anni. Perchè volavo sul mondo difficile, dove cercavo la gran quiete marina, ma in realtà trovavo solo immondizia. Del resto, una volta i gabbiani sorvolavano il mare, mentre adesso ce li ritroviamo in città e ne abbiamo paura perchè sono animali belli ma pericolosi, in cerca della sopravvivenza. In realtà volo ancora ma sono battiti leggeri, eleganti e me ne sto rintanato in montagna, sulle cime più alte senza dar fastidio a nessuno. Non rinnego certo il passato perchè è stato la mia vita e me lo porto dietro, però adesso attraverso un’altra stagione, più matura. Per cui ho deciso: d’ora in poi sarò un’aquila. Sempre con il desiderio irrefrenabile di volare, ma senza portare alcuna minaccia. Guardando sempre tutto dall’alto.

Da romano scelgo, per identificarmi, una poesia di Trilussa. La capiscono tutti, ed è una grande lezione. Principi o scopini, che importanza ha? Dal cielo non ci sono differenze, a Dio piacendo.

L’Aquila
di Trilussa

― L’ommini so’ le bestie più ambizziose,
― disse l’Aquila all’Omo ― e tu lo sai;
ma vièttene per aria e poi vedrai
come s’impiccolischeno le cose.

Le ville, li palazzi, e li castelli
da lassù sai che so? So’ giocarelli.
L’ommini stessi, o principi o scopini,
da lassù sai che so’? Tanti puntini!

Da quel’artezza nun distingui mica
er pezzo grosso che se dà importanza:
puro un Sovrano, visto in lontananza,
diventa ciuco come una formica.

Vedi quela gran folla aridunata
davanti a quer tribbuno che se sfiata?
È un comizzio, lo so, ma da lontano
so’ quattro gatti intorno a un ciarlatano.

Da Favole moderne – 1922 – Trilussa – Carlo Alberto Salustri (poeta  dialettale italiano, 1871-1950)

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

2 thoughts on “Adesso sono un’aquila

  1. Benvenuta aquila che dall’alto osservi.. ma cerca ogni tanto di fare un volo radente o in picchiata.. apposta per dar fastidio. non a qualcuno.. ma a quel qualcuno…. ;)

    Posted by Padre Brown | 12 January 2016, 10:02
  2. Visti da lassù dobbiamo sembrare veramente ridicoli :-)

    Posted by 2iosi | 19 January 2016, 17:19

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: