you're reading...
tribù

E’ Natale, non fingiamo

Quest’anno non ho messo a casa nessun segno natalizio. L’albero resta per una volta in soffitta, insieme a tutti gli altri addobbi. Non ho lo spirito. E neppure faccio finta, come tanti sui social che fingono di essere cool.  Già, è Natale. Come ogni festa mi mette sempre tristezza. L’ho difeso per anni, difendendo l’intimità familiare, scegliendo di stare fuori casa la notte di Capodanno che è solo un pretesto per far baldoria e che non mi è costato affatto passare nel mondo difficile. Lo passerò più o meno come una giornata qualsiasi, ormai il figlio è grande e ha la sua vita. Staremo insieme, ma come stiamo insieme ogni volta che decidiamo di vederci. Regali? Ridotti al minimo, non è più l’unico giorno durante l’anno in cui si aspetta la festa per farsi i regali: come quand’ero piccolo e aspettavo questi giorni per avere qualcosa che desideravo da mesi. Figlio del dopoguerra: quant’era dura, e forse non ho mai capito fino in fondo quanto è costata ai nostri genitori tirarci su.

So di essere il solito rompiscatole, ma penso a chi sta male a Natale. Talvolta malissimo. E non mi riferisco solo alla salute. Ma a chi non ha niente: non è che la festa possa restituire una vita diversa. Penso a tutte le persone care che in questi anni sono mancate. Forse non è giusto, o forse sì perché tutto ha una fine e lo sappiamo fin da quando nasciamo. Rifletto anche su un altro anno che passa e il prossimo per me sarà “rotondo”, terrificante solo a pronunciarlo: ringrazio Dio di esserci comunque arrivato. Sorvolo, ubriacandomi dei tanti progetti per non vivere di ricordi. Guai a non avere obiettivi, è come morire.

So anche, infine, che è tempo di auguri. Pare obbligatorio doverseli fare. Ricordo che una volta stavo giorni a scrivere cartoline. Adesso basta un’email o un sms e il dovere è compiuto. Allora a tutti gli amici, veri e virtuali, dedico un pensiero. Auguro a tutti di essere felici. Anche se so perfettamente che non sarà possibile per tutti esaudire i sogni o risolvere i problemi. Ma per un giorno, almeno, non ci pensiamo. Vogliamoci bene, c’è già così poco amore su questa terra. Guardiamo per una notte la luna piena e trascuriamo il dito.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

4 thoughts on “E’ Natale, non fingiamo

  1. Grazie Pino!!Lo stesso augurio lo faccio anche a te!! Son contenta che sia tornata la TORRE!! MSilvia

    Posted by mariasilvibe | 22 December 2015, 15:56
  2. Guai a non avere obiettivi, è come morire. DOBBIAMO SEMPRE IMPEGNARCI PER AVERE OBBIETTIVI, MA I NOSTRI CAPI CI REPRIMONO DOBBIAMO AVERE I LORO!!!

    Posted by Giuseppe Parisi | 23 December 2015, 08:22
  3. In verità, mi sembra che il tuo essere essenziale sia l’unico vero spirito del Natale. E se tutti lavorassimo per essere felici quaggiù sarebbe un posto migliore. Auguri sinceri.

    Posted by Monique | 23 December 2015, 16:01
  4. Ciao Pino e ciao tutti , da quattro anni frequento il Carcere come Caritas, non sono un eroe non sono un Santo, ognuno di loro una storia a parte . Serviamo i meno forti i più deboli quelli che ahi loro non avendo grandi risorse tentano di tutto per avere e forse non per se ma almeno per i propri figli. Per noi volontari Natale è tutti i giorni. Auguri a tutti.

    Posted by Valerio | 23 December 2015, 21:23

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: