you're reading...
storia

Non si può cancellare la storia

bar-and-caffe-della-pace

Ci sono negozi, o locali, che fanno parte della città. Sono segnati sulle guide turistiche, come i monumenti, e sono patrimonio di tutti i cittadini. Adesso sta chiudendo, per sfratto, l’Antico Caffè della Pace, a Roma, a due passi da piazza Navona. I paparazzi da decenni piazzati lì, perchè tanto “qualcuno” prima o poi arrivava. Se avevi pazienza poteva capitarti di prendere il cappuccino al tavolino accanto a De Niro o Al Pacino, magari anche a Clinton, per non dire dei Fellini o degli Ungaretti. Una volta, dopo aver benedetto l’interno, sotto il fantastico pergolato si è seduto addirittura Giovanni Paolo II. Inutile fare la lista: praticamente dalla fine del Settecento si sono accomodati tutti. Al suo posto dovrebbe nascere un albergo, ma sia il Comune che liberi cittadini si stanno battendo a suon di firme per non abbattere un pezzo di storia. La memoria è il filo che ci unisce, non si può perdere la memoria. Non pensiate che si tratti di una questione campanilistica, anche se a Roma diventa tutto internazionale. Ricorderete lo spazio che ho dedicato al Gran Hotel Le Palme di Palermo, ma è sempre un grande dolore. Ieri stavo nelle Marche e ho saputo che hanno chiuso il Caffè Meletti ad Ascoli Piceno, quell’anisetta, e il Bar Bedetti a Falconara, quello dei torroni. Si tratta di autentici delitti. E’ come se togliessero un pezzo di vita a ognuno di noi.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

6 thoughts on “Non si può cancellare la storia

  1. Al giorno d’oggi manca proprio la poesia…

    Posted by Monique | 9 March 2014, 18:38
  2. Purtroppo qualcuno può ma non deve.
    Cosa di può fare per impedirlo?

    Posted by Andrea | 9 March 2014, 18:50
  3. quanno li potenti decideno noantri nun ce potemo fa ‘gnente :(

    Posted by ceglieterrestre | 9 March 2014, 19:48
  4. Meletti ad Ascoli – non ho parole – e chissà che altro. In cambio, qui, banche, altre banche, ancora banche, agenzie trasferimento danari e vendo oro. Non stanno cancellando la storia, stanno cancellando la gente.

    Posted by Francesco Pipistro | 9 March 2014, 19:55
    • per non parlare delle cianfrusaglie cinesi
      o di tutto quello che svendiamo ai russi ricchissimi o agli emiri
      diventeremo come gli americani, senza “background” noi che ne abbiamo così tanto

      Posted by pinoscaccia | 9 March 2014, 19:57
  5. Reblogged this on variousthingsdotme.

    Posted by rimai74 | 14 March 2014, 23:30

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: