you're reading...
storia

Non si può cancellare la storia

bar-and-caffe-della-pace

Ci sono negozi, o locali, che fanno parte della città. Sono segnati sulle guide turistiche, come i monumenti, e sono patrimonio di tutti i cittadini. Adesso sta chiudendo, per sfratto, l’Antico Caffè della Pace, a Roma, a due passi da piazza Navona. I paparazzi da decenni piazzati lì, perchè tanto “qualcuno” prima o poi arrivava. Se avevi pazienza poteva capitarti di prendere il cappuccino al tavolino accanto a De Niro o Al Pacino, magari anche a Clinton, per non dire dei Fellini o degli Ungaretti. Una volta, dopo aver benedetto l’interno, sotto il fantastico pergolato si è seduto addirittura Giovanni Paolo II. Inutile fare la lista: praticamente dalla fine del Settecento si sono accomodati tutti. Al suo posto dovrebbe nascere un albergo, ma sia il Comune che liberi cittadini si stanno battendo a suon di firme per non abbattere un pezzo di storia. La memoria è il filo che ci unisce, non si può perdere la memoria. Non pensiate che si tratti di una questione campanilistica, anche se a Roma diventa tutto internazionale. Ricorderete lo spazio che ho dedicato al Gran Hotel Le Palme di Palermo, ma è sempre un grande dolore. Ieri stavo nelle Marche e ho saputo che hanno chiuso il Caffè Meletti ad Ascoli Piceno, quell’anisetta, e il Bar Bedetti a Falconara, quello dei torroni. Si tratta di autentici delitti. E’ come se togliessero un pezzo di vita a ognuno di noi.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

6 thoughts on “Non si può cancellare la storia

  1. Al giorno d’oggi manca proprio la poesia…

    Posted by Monique | 9 March 2014, 18:38
  2. Purtroppo qualcuno può ma non deve.
    Cosa di può fare per impedirlo?

    Posted by Andrea | 9 March 2014, 18:50
  3. quanno li potenti decideno noantri nun ce potemo fa ‘gnente :(

    Posted by ceglieterrestre | 9 March 2014, 19:48
  4. Meletti ad Ascoli – non ho parole – e chissà che altro. In cambio, qui, banche, altre banche, ancora banche, agenzie trasferimento danari e vendo oro. Non stanno cancellando la storia, stanno cancellando la gente.

    Posted by Francesco Pipistro | 9 March 2014, 19:55
    • per non parlare delle cianfrusaglie cinesi
      o di tutto quello che svendiamo ai russi ricchissimi o agli emiri
      diventeremo come gli americani, senza “background” noi che ne abbiamo così tanto

      Posted by pinoscaccia | 9 March 2014, 19:57
  5. Reblogged this on variousthingsdotme.

    Posted by rimai74 | 14 March 2014, 23:30

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: