you're reading...
acid camera

Ci resta solo la satira

virginia-raffaele-panni-311780

Già molti altri, più bravi di me, e prima di me hanno affrontato il tema Boschi. Che non è un problema da poco, perchè investe la satira, lo sfogo di un popolo costretto comunque a subire fior di angherie. Se non ci vendichiamo della Casta almeno con lo sfottò, cosa ci resta? Dunque, la “Principessa sul Pisello” come l’hanno definita in molti, ha reagito malamente (salvo una retromarcia tardiva che non ha convinto nessuno) all’imitazione che Virginia Raffaele ha fatto della freschissima e affascinante ministra. Addirittura la Boldrini si è scagliata contro quella che ritiene una satira sessista, ma soprattutto (ed è il fatto grave) l’entourage della bellabionda si è rivolto con fare vagamente minaccioso alla presidenza Rai. Dove sta il problema? La stessa, bravissima, Virginia aveva già imitato 17 donne, ad eccezione di Belen e della Pellegrini, tutte politiche. La Minetti, la Biancofiore, la Polverini, la Pascale per non dire della Carfagna presa di mira pesantemente dalla Germani o della stupenda Gelmini della Cortellessi. Non ricordo più chi ha imitato la Guzzanti, ma certamente anche lei non è una che scherza. Naturalmente ci riferiamo alle donne perchè da sempre la satira ha colpito i potenti (chi altri sennò?), senza distinzioni di sesso. Evidentemente la Boschi, così come la Kyenge o, fra i maschietti, Formigoni non stanno al gioco. Peccato perchè c’è un solo sistema per rispondere: dimostrare con i fatti di essere migliori di quello che appaiono. Sul piano oggettivo bisogna ammettere per esempio che la Carfagna c’è riuscita. Mariaelena è sicuramente bella e deve farsene una ragione: spetta a lei farci vedere che è anche brava. Finora mi pare che non abbia dato nessun segnale significativo. 

Le proteste a “reti unificate” Il video dell’imitazione L’inciampo sull’italiano

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: