you're reading...
libia

L’ultimo dei Gheddafi

103150269-94c176a8-a5ae-408d-9f59-e904c9290a23Saadi Gheddafi non ha mai partecipato all’attività politica del padre, nè tantomeno alle sue malefatte. Aveva la passione del calcio e in Italia si è fatto praticamente il giro di tutte le squadre. Dopo la rivolta in Libia si era rifugiato in quello che credeva un Paese amico, il Niger. Che per tanto tempo lo ha protetto e adesso improvvisamente lo ha estradato al nuovo potere di Tripoli. Rischia la pena di morte e intanto, appena tornato in patria, è stato umiliato. Ma che senso ha la vendetta specie in un territorio in pieno caos, con il dominio delle bande, dove c’è solo sangue: passato ma anche presente?

WCGAZ2_0HH8WQ4A_MGZOOMEx capitano della nazionale libica, Saadi Gheddafi ha giocato anche in Italia, allenandosi con Juventus e Lazio e giocando nelle squadre di Perugia, Udinese e Sampdoria. Pochi i minuti giocati. Negli anni come calciatore nel nostro paese si prende anche una squalifica per doping. Chiusa la parentesi sportiva, si era dato al business del cinema. Quarant’ anni, fuggito dalla Libia nel 2011 poco prima della morte del padre. Le autorità di Tripoli hanno diffuso le foto, drammatiche, della rasatura di barba e capelli. Che fine hanno fatto tutti i figli del raìs  foto  ORA RISCHIA LA PENA DI MORTE

WCCOR11_0LQC7X1A_MGZOOM

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

9 thoughts on “L’ultimo dei Gheddafi

  1. Amarezza…

    Posted by nunziatullio | 6 March 2014, 16:32
  2. :( le guere de li padri macchiano puro li fiji senz corpe.

    Posted by ceglieterrestre | 6 March 2014, 17:24
  3. Certo che per rifugio poteva scegliere un paese civile…(se ancora esiste) non l’africa…….!
    non poteva andare a Miami??

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 6 March 2014, 19:14
  4. e perchè lo avrebbero giustiziato là… ma che gliene frega agli stati uniti del figlio di gheddafi?
    beh allora in svezia, che ne so, insomma dove c’è civiltà.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 6 March 2014, 19:26
  5. Chissà che piacere o senso di giustizia si prova a umiliare uno, che l’ unico sbaglio che ha fatto è stato quello di essere figlio di …

    Posted by Walter | 6 March 2014, 22:27
  6. http://tv.liberoquotidiano.it/video/1556415/Bambino-di-7-anni-viene-arrestato.html

    …in america sono capaci di tutto….sono parecchio severi..

    Posted by marcellolupo | 8 March 2014, 15:26
  7. “Il torto del soldato è la sconfitta, la vittoria giustifica tutto” (Erri De Luca)

    Posted by senzanord | 9 March 2014, 16:50

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: