you're reading...
georgia, reporter, tribù, ucraina

Storia di un viaggio oltre le barricate

Ho vissuto questi momenti per almeno trent’anni. Più la situazione precipita in Ucraina, più mi ricorda quella della Georgia. E con un pò di nostalgia (lo ammetto) gioco con la fantasia e m’immagino di essere ancora operativo. Cosa avrei fatto in questo momento? Avrei fatto esattamente quello che stanno facendo di sicuro gli amici del Tg1. Sarei stato naturalmente a Kiev per la rivolta e adesso sarei alle porte della Crimea. In attesa del via libera delle truppe russe, non in questo momento. I meccanismi sono sempre gli stessi: la Crimea per ora raccontata da Mosca in contraltare alla realtà ucraina descritta dall’inviato. Proprio tutto uguale alla Georgia, solo moltiplicato dalla grandezza del territorio. Passaggi identici, addirittura nei dettagli.

Amarcord, sei anni fa. Tutti i giorni, per almeno un mese, da Tblisi quei cento chilometri fino a Gori, bloccata dai carri armati russi. La solita guerra mediatica fatta di notizie contraddittorie: Mosca che nega il blocco (c’era su tutte le strade limitrofe ed era pericolosissimo tentare sortite) ma invece era impossibile andare verso l’Ossezia del sud o l’Abkhazia, regioni filorusse come la Crimea. Putin che si dice “costretto” a difendere la sicurezza, a rispondere alla richiesta di aiuto, e intanto schiera ottomila soldati e decine di blindati. Per giorni, davanti a Gori ho tentato un approccio sfruttando quelle poche parole di russo che conoscevo. Finchè un giorno (ma molto tempo dopo) mi si avvicina un ragazzotto in borghese che doveva essere del Kgb perchè tutti si mettevano sull’attenti e guarda la sfilza di giornalisti occidentali. Fa la conta e chiama anche me: “Raiuno, come here“. Per lui ero semplicemente “Raiuno”. Ci fa salire su un camion. Gli interpreti e gli autisti restano alla barriere: non si accettano georgiani. La prendiamo come una gita. Norberto mi fa una foto con Mario, l’operatore del Tg3. Toh, finalmente entriamo a Gori. Attraversiamo la città di Stalin e con il cellulare realizzo un piccolo video. Ma il viaggio è molto più lungo. Attraversata Gori, andiamo ancora avanti. Naturalmente i russi ci fanno vedere quello che gli interessa: le macerie della periferia di Tskinvali, la capitale dell’Ossezia. Quell’attacco di Tblisi che poi ha scatenato la guerra. Riavvolgo il nastro della memoria, come in un film. Ci ritroviamo addirittura in piazza, assistiamo a un comizio del leader filorusso, partecipiamo a una grande festa a teatro. Siamo, con molta sorpresa, al centro di quell’Ossezia che – da cronisti – abbiamo per più di un mese accarezzato come obiettivo. Con l’Abhazia non è successo.

IMG_7783I carri armati russi davanti a Gori.

georgia-tg Il tentativo di approccio.

IMG_7798 Le truppe di Mosca lungo la strada per l’Ossezia.

Quella notte dentro Gori.

IMG_7847 Amarcord sul camion russo oltre Gori.

IMG_7852 Testimoni delle rovine.

IMG_7826 Documento tre le macerie.

IMG_7843 Al centro di Tskinvali, tra i filorussi. Missione compiuta.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

4 thoughts on “Storia di un viaggio oltre le barricate

  1. Sto poste ‘n ber pezzo de storia. Ma le guere so istesso segno di granne incivirtà. L’umano finirà un giorne de capì che co le gure nun s’ariva da nisuna parte?

    Posted by ceglieterrestre | 1 March 2014, 15:57
  2. Concordo con ceglieterrestre :-(

    Posted by Patrizia M. | 1 March 2014, 22:53

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: La Crimea come l’Ossezia | La Torre di Babele - 1 March 2014

  2. Pingback: La Crimea come l’Ossezia | La Torre di Babele - 1 March 2014

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: