you're reading...
acid camera

E’ tornato a bordo, ma due anni dopo

15587584-k1s--401x175@Corriere-Web-Nazionale

L’aspetto più squallido del “ritorno” di Schettino al Giglio è stato il rifiuto sdegnato di chi voleva regalargli un pizzico di umanità. “In lacrime davanti alla mia nave? Ma quando mai? Io non sono un piagnone”. Bulletto fino in fondo e anche ridicolo nel voler buttare tutto in cagnara. Le responsabilità tecniche saranno stabilite dai magistrati, non c’è dubbio che la Costa ha le sue colpe, ma attaccarsi al generatore d’emergenza per spiegare la tragedia della Concordia è quantomeno riduttivo. Poi sul piano morale, ancor prima che su quello giudiziario, Schettino deve rispondere di ben altro. Secondo il codice della navigazione doveva scendere per ultimo come comandante, e invece è sceso per primo. Chi può dimenticare il brindisi con l’ospite russa, i suoi vestiti asciutti, la fuga in scialuppa e quel rintanarsi su uno scoglio? “Torni a bordo cazzo” resterà per sempre l’etichetta di un comportamento vergognoso. “Era in pieno panico”, dice il sindaco del Giglio. E fare il bullo oggi è addirittura patetico. S’è fatto un film nella sua testa. Quando racconta quella notte sogna “Titanic”, lui che strappa il timone al sottoposto, con accanto la slava bionda, salva i passeggeri, grande comandante se butta tutti gli errori sull’equipaggio. Peccato che lui è sceso subito e gli altri invece sono rimasti sulla nave, facendo il suo lavoro che era quello di assistere i passeggeri. Al di là della scemenza dell’inchino e dei trentadue morti. Se non si è commosso a rimettere piede sulla Concordia, sulla “sua nave”, non solo è un bullo, ma è addirittura un mostro.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

3 thoughts on “E’ tornato a bordo, ma due anni dopo

  1. Un quadro preciso e completo del soggetto , squallido ed irresponsabile; detto splendidamente : si è girato tutto un filma nella sua testa!

    Posted by Lucio Gialloreti | 27 February 2014, 19:05
  2. Un perfetto esempio dell’Italico squallore dei giorni nostri!! Non ci sono parole per definirlo, ma una gliela vorrei dire: vergogna…perchè prima del clamore dovrebbe esserci il rispetto, almeno per la morte, una morte così assurda.

    Posted by Monique | 28 February 2014, 17:00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: