you're reading...
georgia, ucraina

Quei carri armati russi

georgia tg

Adesso la Russia ha schierato i carri armati a Sebastopoli. Non ci sta a perdere completamente l’Ucraina e punta sulla Crimea dove la maggioranza della popolazione è a favore del Cremlino. Mi ricorda straordinariamente il conflitto, breve ma sanguinoso, con la Georgia nell’agosto del 2008. Fallito il tentativo di “riprendersi” Tblisi, Putin allora puntò sulla frammentazione del Paese mettendo le mani sulle regioni più filorusse, Ossezia del sud e Abkhazia. Non sul piano diplomatico, ma con le truppe. Ho seguito per mesi quella guerra frutto di fratture mai sanate all’interno dell’ex impero sovietico. Ho visto morti e rovine che mi auguro non debbano ripetersi ora. Alla Georgia allora mancò l’appoggio promesso degli Stati Uniti, l’Ucraina ha al contrario adesso il forte appoggio europeo. Ma la differenza sta soprattutto nei numeri: la Georgia ha soltanto il dieci per cento della popolazione ucraina (45 milioni), e alla base c’è soprattutto una grave crisi economica. In definitiva, due storie completamente diverse ma quei carri armati non promettono niente di buono.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

One thought on “Quei carri armati russi

  1. Le armi da guerra non promettono mai nulla di buono purtroppo!!

    Posted by Patrizia M. | 26 February 2014, 15:07

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: