you're reading...
infanzia

Piccoli discoli crescono

Forse non aveva a portata di mano il numero di Telefono Azzurro. O forse, a forza di vedere in tv le fiction sui carabinieri, aveva deciso che i militi della gloriosa Arma, «usi obbedir tacendo», calzavano alla perfezione al caso suo. Chissà quante volte sul web si era imbattuto in storie di bambini maltrattati in famiglia. C’erano anche i numeri di telefono, ricordava, quelli gratuiti a cui chiedere aiuto. E allora via, senza alcuna esitazione, alla faccia dei suoi 9 anni. «Aiuto, mia mamma mi picchia e mi maltratta, venite subito, vi prego!». La voce, piagnucolante al punto giusto e impastata di disperazione, fa subito scattare l’allarme all’altro capo del filo: non un posto qualsiasi, ma il reparto operativo della compagnia dei carabinieri di Novafeltria. È infatti dal paese dell’Alta Valmarecchia, 7 mila anime passate qualche anno fa con referendum sotto l’ombrello della provincia di Rimini, che il ragazzino di 9 anni chiama. «Venite, venite, mi picchia…». E via a fornire, lucido e puntuale, nome, cognome, indirizzo. Il carabiniere di turno non ha esitazioni. (…) In un attimo la pattuglia dei carabinieri giunge a sirene spiegate nell’abitazione. La madre, alla loro vista, cade dalle nuvole. I militari raccontano della telefonata, domandano, si guardano in giro, giustamente diffidenti, avendone viste di tutti i colori. Bastano pochi minuti per risolvere il mistero. «Sì – racconta la donna -, gli ho dato uno schiaffo. Sono due giorni che non va a scuola, ogni volta ne inventa una nuova, sì, ho perso la pazienza, ma non credevo che fosse così grave…». Non è dato sapere in quale angolo si sia rifugiato il piccolo Gianburrasca mentre la madre parlava con i carabinieri. Di sicuro non ha passato una buona serata. E oggi a scuola ci andrà. L’ha ordinato l’Arma. corriere.it

20140219_ristorante«Che noia, bruciamo questo locale va». Hanno tra i 16 e i 20 anni i bravi ragazzi che nella notte tra domenica e lunedì hanno dato fuoco a un ristorante cinese a Trastevere. «Eravamo un po’ alticci e annoiati così abbiamo deciso di movimentare la serata», questa la sintetica e inquietante spiegazione data da uno degli otto giovani. Erano le quattro di notte, quando qualche residente si è svegliato e si è accorto delle fiamme. Diverse persone hanno chiamato i pompieri per un incendio che si stava sviluppando sulla facciata di un palazzo in piazza Ippolito Nievo. Il rogo è stato spento dai vigili del fuoco in poco tempo. Ma un testimone ha raccontato ai soccorritori di aver visto un gruppo di persone allontanarsi velocemente a piedi subito dopo il crepitio delle fiamme. Indicazioni che hanno permesso agli equipaggi delle volanti di rintracciare e bloccare una comitiva di giovani poco distante dall’incendio. Sui vestiti avevano ancora l’odore intenso di benzina, sembravano euforici e non coscienti della bravata appena compiuta. Si tratta infatti di ragazzi tutti incensurati e di buona famiglia. ilmessaggero.it

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

7 thoughts on “Piccoli discoli crescono

  1. Ricordo che quando arrivava un ceffone – ché non ho mai creduto che metodi educativi moderni sortissero qualche effetto, insomma più che le parole …- mio figlio diceva: “Guarda che telefono a Zurro”. :)
    Una volta mio figlio maggiore ha chiamato i carabinieri dicendo che suo fratello voleva ucciderlo … che vergogna, al telefono ho cercato di spiegare la situazione ma sarei sprofondata.
    Quella del Giamburrsca mi ha fatto ricordare questi episodi, ma i ragazzi piromani suscitano in me solo tanta rabbia. Altro che ceffoni …

    Posted by marisamoles | 19 February 2014, 19:17
  2. A me preoccupano i ragazzini di adesso, è inutile.
    Non li vedo proprio ragazzini…”discoli” e tantomeno infantili, ma solo totalmente incoscienti, proprio senza una coscienza (ed educati come tali), che è diverso.
    Quando poi non diventano strumenti di ricatto da parte dei genitori stessi, magari per separazioni, vendette e soldi – anzi in ordine inverso: per soldi… vendette, separazioni.
    Sta diventando allucinante.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 19 February 2014, 21:32
  3. …ma “gliel’ha ordinato l’Arma” è carinissimo… ;)))

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 19 February 2014, 22:25
  4. Ragazzi incensurati e di buona famiglia che incendiano un ristorante cinese. Chissa perchè quando una famiglia è ricca è buona, perchè le povere sono cattive… A maggior ragione chi ha buone opportunità in famiglia dovrebbe ben meno peccare di chi ha cattive opportunità in famiglia.
    Orbene, famiglie buone perchè ricche ma figli cattivi e basta, solo che il cattivo ricco si salva dalle punizioni più facilmente del cattivo povero…perchè ha i soldi, anzi le sue sono semplicemente bravate..ragazzate, è il povero che sta imparando a delinquere.
    E’ IMPRESSO NELLE MIE SINAPSI, 35 anni fa, ero per in un centro studi ad un corso vicino ad Urbino, sceso una mattina a Rimini, vedo un gruppo di bagnini che stringono un ragazzo elegantissimo con i capelli curati in bei boccoloni biondo-dorati, stanno raccontando che erano giorni che erano di guardia, poichè di notte degli sciagurati si divertivano a tagliare le sdraio dei bagni e loro, decisi romagnoli si erano messi alla posta e catturato, scriviamolo, dei bei bricconi che rovinavano il lavoro dei bagnini e l’immagine della romagna.
    Bricconi di buona famiglia…no farabutti e basta.

    ciao peppo

    Posted by Giuseppe | 20 February 2014, 07:28
  5. Riconosco lo stile dei miei alunni, ma purtroppo le voci che provengono dalla scuola, dalla famiglia, dalla società continuano a dire che non è niente e così il circo continua…

    Posted by Monique | 20 February 2014, 20:36
  6. mo hanno dato foco pe passà er tempo dimani che faranno?

    Posted by ceglieterrestre | 1 March 2014, 18:07

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: