you're reading...
fermate il mondo voglio scendere

Se un povero diventa ricco

Si parla di crisi di valori e c’è chi prende a sprangate i diversi. Oppure ci sono i ricchi che non sanno che esiste un altro mondo, cioè il mondo vero. Questa storia è fantastica, non solo perchè ha girato la vita di un poveraccio, ma per come lui ha reagito. Ogni sua parola è una lezione. E’ proprio vero che i migliori stanno in basso e possono solo crescere. Vorrei che qualche superviziato prenda adesso il suo posto, lì fra i cartoni. Così, giusto per imparare.

20140216_senzatetto-vince-lotteria-

Era abituato a vivere in strada e a diventare oggetto degli sguardi di sdegno dei passanti. Faceva parte di quell’esercito dei trentamila senzatetto che vivono in Ungheria. Aveva un passato da alcolista, ma in quel giorno di settembre ha deciso di spendere le ultime monete che aveva in tasca non per comprare una bottiglia di wisky, ma per tentare la fortuna. Lo ha fatto svogliatamente, senza crederci, alla stazione ferroviaria di Budapest. “La commessa mi aveva detto che dovevo giocare sei numeri, ne mancava uno: le ho detto di aggiungere il 24”. László Andraschek, 55 anni, ungherese, ha vinto 630 milioni di fiorni, la vincita più grande in Ungheria. Ecco tutti i suoi progetti

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

2 thoughts on “Se un povero diventa ricco

  1. “sono diventato ricco…..” sta vorta la sora furtuna s’è comportata bbene. Bravissimo lui se ariesce a nun esse diverzo.

    Posted by ceglieterrestre | 17 February 2014, 00:08

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: