you're reading...
persone

C’è un altro italiano da aiutare

20140206_62569_roberto-berardi-come-era-e-come---

Il corpo smagrito che presenta lesioni, la voce rotta, i segni delle frustrate sulla schiena. È irriconoscibile dopo un anno di detenzione nelle carceri lager della Guinea Equatoriale l’imprenditore di Latina, Roberto Berardi, 49 anni,accusato di truffa e appropriazione indebita. Berardi è riuscito ad inviare alcune immagini scioccanti che lo ritraggono in cella, ma anche una testimonianza audio – diffusa in serata dal Tg1 – dove afferma di avere subito delle torture. «Da più di un anno sono imprigionato e da due mesi sono in una cella di isolamento senza vedere luce e ricevo bastonate e frustate. La pressione è fortissima, spero di riuscire a resistere almeno per potere vedere i miei figli». Sono tremila gli italiani detenuti all’estero

Il video appello al Tg1  Prigionieri del silenzio

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

2 thoughts on “C’è un altro italiano da aiutare

  1. Disumanità.
    Ma noi ‘confidiamo’ nella giustizia della cancellieri o della bonino, nevvero, quelle delle amicizie di società…stesse facce della stessa moneta. (non medaglia, moneta: la stessa con cui continuano a barattare le vite dei due Marò in india).

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 12 February 2014, 22:51
  2. Quante ingiustizzie se riceveno, e nun se sa indove sta la giustizzia.

    Posted by ceglieterrestre | 17 February 2014, 13:42

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: