you're reading...
violenza

La bulletta di Bollate/3: un gruppo pieno di odio

gioviIntanto, Facebook che è stato prontissimo a togliere il video del pestaggio di Bollate cosa fa? E la polizia postale, attentissima a non diffondere immagini di minori, cosa ha deciso? Fatto sta che lo scellerato gruppo di solidarietà alla teppista è ancora attivo e addirittura ha aumentato i seguaci, arrivati adesso a 1431. “Solidarietà per la Giovi” e l’obiettivo del gruppo: “Assassini, stupratori, pedofili e criminali a piede libero, e vogliamo condannare una ragazzina per un ceffone? No noi non ci stiamo”. A parte il fatto che non si è trattato di qualche ceffone, ma di tentato omicidio con i calci sulla testa di Sarah a terra, la pagina è soprattutto diventata un coacervo di violenza, con minacce di morte alla vittima, per non parlare degli insulti. Per fortuna adesso il gruppo è diventato chiuso e le nefandezze sono destinate soltanto piccole persone, non solo di età, gonfie d’odio. Ma la malvagità resta e proprio non capisco perchè ancora il gruppo non sia stato cancellato con altrettanta sollecitudine.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

9 thoughts on “La bulletta di Bollate/3: un gruppo pieno di odio

  1. Son indignato anche verso la RAI: Nei Tg delle 20,00 ha mandato a pieno schermo, per due giorni di seguito, il filmato dell’atto criminale. C’era bisogno? Non era meglio dire che, per non esaltare l’atto di persone che di certo non hanno bisogno di visibilità, avevano fatto la scelta di non mandare il video?
    Vale di più qualche centinaio di migliaia di spettatori o il limitare la diffusione della violenza? Hanno coscienza il direttore ed i redattori del TG1 del significato delle loro scelte?.

    Posted by Andrea | 9 February 2014, 18:39
  2. Leggi bene il testo, virgole comprese e ti accorgerai che hai capito male.
    Lì c’è scritto che trasmettere quelle immagini si esalta un atto compiuto da persone che non hanno bisogno di visibilità.

    La sintesi che hai fatto nella risposta è chiaramente sbagliata.

    Posted by Andrea | 9 February 2014, 19:49
    • Lo pensi te. Chiaramente per chi? Ho lavorato quarant’anni nella comnunicazione. Conosco bene la forza dei messaggi. E so che certe immagini suscitano innanzitutto indignazione, indispensabile per cambiare rotta. Certi teppisti si esaltano da soli, tra di loro, come appunto dice il post. Poi non solo la televisione, ma tutti i giornali hanno messo in grande risalto la vicenda. Forse sei te che hai sbagliato obiettivo.

      Posted by pinoscaccia | 9 February 2014, 20:25
  3. Dov’è finito il post della ragazza a cui avevo risposto alle 19,49? Io a quella avevo risposto.
    Cos’è sta confusione?

    Posted by Andrea | 9 February 2014, 22:27
  4. @ Andrea

    scusami, ma me ne sono andata perchè non ne posso più di questo squallore. Non entro mai in fatti del genere, di violenza, di cronaca, lascio che se ne occupino giornali e inquirenti e chi di dovere.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 9 February 2014, 22:40
  5. si dovrebbero segnalare questi gruppi

    Posted by Maria | 10 February 2014, 20:13

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: