you're reading...
libia, sequestri

Liberati con un blitz Scalise e Gallo

5f21d4c6bdee17340e93dde401c497a4_XL-300x226

Sono stati liberati i due tecnici italiani, Francesco Scalise e Luciano Gallo, rapiti in Libia lo scorso gennaio. “Provo grande gioia e soddisfazione per la liberazione di Francesco Scalise e Luciano Gallo”, ha detto il ministro degli Esteri Emma Bonino una volta appresa la notizia. L’operazione, secondo quanto si legge in una nota della Farnesina, è frutto di attività congiunte tra autorità libiche e italiane e dell’azione di coordinamento svolta tra unità di crisi, ambasciata e altri organi dello Stato. “Desidero esprimere un sentito ringraziamento”, ha detto Bonino, “a tutte le donne e gli uomini della Farnesina e delle altre istituzioni che hanno consentito di giungere a un esito favorevole della vicenda in un contesto ambientale difficile”. Menomale. I due tecnici sono già in Italia e sono stati liberati grazie a un blitz congiunto tra poliziotti libici e italiani.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

One thought on “Liberati con un blitz Scalise e Gallo

  1. Bellissima notizia!!!

    Posted by Patrizia M. | 7 February 2014, 17:17

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: