you're reading...
razzismo

Una lezione di civiltà

Questo filmato è straordinario. La didascalia di Repubblica.it:  “Un video shock, agli atti dell’arresto di un rapinatore: un giovane mendicante africano è uno dei pochi a intervenire direttamente cercando di fermare uno scippatore. Poco dopo il malvivente cadrà nella rete di carabinieri e polizia”. A parte gli errori, non è niente rispetto a quello che ognuno può vedere. E’ uno degli ultimi, uno che vive ai margini della società, ad inveire contro lo scippatore e poi a cercare, unico in mezzo alla folla di italiani, di fermarlo. Poche parole, ma una grande lezione di civiltà. Fa riflettere.

111839153-96f7e8c4-47da-4aea-bc7b-a1f233a1fd58

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

7 thoughts on “Una lezione di civiltà

  1. Pienamente d’accordo! E sarebbe una lunga riflessione…

    Posted by gianfrancogrande | 6 February 2014, 12:41
  2. In Francia come in Italia, ognuno pensa a farsi gli affari propri e, se ti fermi ad aiutare qualcuno passi pure per fesso. Non c’é emergenza che tenga.

    Posted by valerasmus | 6 February 2014, 12:56
  3. Quando, 5 anni fa, mi trovai in quel di Varese a svenire e sbattere per terra, ci fu, da parte dei passanti, molta affettuosa solidarietà.
    Non credo mi sarà possibile ringraziare quelle persone.
    Buona giornata.
    Quarc

    Posted by quarchedundepegi | 6 February 2014, 17:44
  4. Non intendo giustificare l’indifferenza. Ma la paura si. In una situazione del genere, senza telecamera, non ci vuole molto a doversi difendere da un’accusa di aggressione da parte dello scippatore. A quel punto il bravo ragazzo di dovrà pagare un avvocato e, col nostro sistema ipergarantista, il buon esito non sarà scontato. Oggi il coraggio di affrontare un delinquente non basta. E’ il dopo che fa paura.

    Posted by senzanord | 6 February 2014, 23:17
    • Non esageriamo. Uno scippatore non va certo a fare denuncia. Piuttosto mi sembra che la gente non abbia capito, addirittura lo aiutavano a rialzarsi, come di un motociclista caduto. E non si sono neppure accorti delle grida del nordafricano e della richiesta di aiuto della vittima.

      Posted by pinoscaccia | 6 February 2014, 23:23

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: