you're reading...
politica

Contro la barbarie

A suo tempo per scappare dalla bagarre ho scelto le guerre. Lontano dalle zozzerie italiane mi sono sentito più libero, preferendo rischiare per raccontare mondi difficili piuttosto che addentrarmi nel groviglio nazionale che pure condiziona la nostre vite. Ci sono molti modi di fare il giornalista e io ho scelto quello più difficile ma anche più esaltante. Adesso che non ho impegni legati all’informazione, di nessun tipo, mi sento un vero “cane sciolto” come mi hanno considerato sempre i miei amici (e i miei direttori). Dico semplicemente quello che penso, ragionando con la mia testa sfuggendo da posizioni e ruoli precostituiti. Opinioni talvolta possibili anche di errori, lo ammetto, ma sempre rigorosamente oggettive. Basandomi su alcuni principi per me fondamentali da tempo, a cominciare dal rispetto. A chi mi accusa di non essere un uomo libero ricordo una vecchia massima sempre attuale: “Se non diremo cose che a qualcuno spiaceranno, non diremo mai la verità” che è diventata poi l’incipit del blog. Potrei benissimo evitarlo, occupandomi di questioni meno complicate, ma sono ancora innamorato del mio Paese e provo a fermare, nel mio piccolo, la barbarie. Sarò sempre contro la violenza, anche quella verbale, e la sopraffazione. Odio le risse. Non tifo per nessuno, se non per chi comunque cerca di cambiare le cose ed evitare la deriva. Una colpa? Forse. Ma alla mia età non si può ormai tornare indietro. Apprezzo e ringrazio comunque chi continua a seguirmi, anche se non siamo d’accordo. Accetto con piacere lo scambio, fa bene, rifiuto solo gli insulti.

Bruciare un libro: roba da ayatollah

A che livello siamo arrivati: allo stadio di Bologna contestano un idolo come Gianni Morandi, gli incivili non accettano neppure di essere chiamati incivili.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

9 thoughts on “Contro la barbarie

  1. Parlare di politica ora non è possibile perché questa non è piu politica e’ solo barbarie

    Posted by lorena | 1 February 2014, 21:51
  2. Ciao Pino, mi piace molto il tuo post. Accetto volentieri lo scambio e trovo giustissimo rifiutare gli insulti. Ben tornato a casa.

    Posted by ceglieterrestre | 1 February 2014, 22:50
  3. Il rispetto, la prima regola.
    Altrimenti, neanche buongiorno e buonasera.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 1 February 2014, 23:04
  4. Chi più libero di te contro questa barbarie e pantano italiani ? Avanti Pino! E grazie.

    Posted by Lucio Gialloreti | 2 February 2014, 18:11
  5. Grillo ha raccolto in adunanza cosiddetti incazzati , gente di tutti i tipi e trasversalmente collocati nella società. Le monetine sulla testa di Craxi ormai sono un lontano ricordo ( sono servite ? ).Dimentica un particolare, che ora si trova in parlamento e non su un palcoscenico o al bar sotto casa….

    Posted by marcellolupo | 3 February 2014, 11:28
    • soprattutto va detto che …la classe non è acqua, ecco come ha risposto alla boldrini uno come messora che è il portavoce dei grillini al senato, giocano su tutto , anche sugli stupri

      “cara laura, volevo tranquillizzarti: anche se fossimo tutti stupratori, tu non corri rischi”

      Posted by pinoscaccia | 3 February 2014, 11:32
  6. …nelle bettole la “classe” non esiste….

    Posted by marcellolupo | 3 February 2014, 11:41
  7. Quello che non sanno i barbari, o che non mettono mai in conto è che i maledetti strumenti della barbarie e della violenza, possono essere usati anche contro di loro.
    Un ‘ opera del pittore spagnolo Francisco Goya si intitola: “Il sonno della ragione genera mostri”. Calza proprio a “pennello” sul mondo attuale. E aggiungo io che la ragione oggi, è in catalessi.

    Posted by Walter | 3 February 2014, 14:39

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: