you're reading...
egitto

Egitto, la rivolta infinita

DSCN1861Non voglio fare la figura di quello che ha capito sempre tutto, ma certo andare sui posti aiuta. Tornavo dalla Libia, dove anche lì ci voleva poco a intuire un post Gheddafi sanguinoso, e il primo approccio con l’Egitto era stato altrettanto chiarificatore. Era il marzo del 2011, quasi tre anni fa. C’erano rovine e carri armati, fin da Alessandria, ma soprattutto al Cairo. La capitale era completamente militarizzata, c’era qualcosa nell’aria di molto pesante. Sono andato, costeggiando il Museo Egizio, in piazza Tahir. La calma era solo apparente, una sensazione di tregua dopo una battaglia sanguinosa. C’erano anche altri segnali inquietanti. La sera sono capitato in mezzo a una rissa gigantesca. Un poliziotto mi ha spiegato: “Succede ogni sera, sono gli islamici che danno la caccia ai cristiani”. E allora ho capito perchè il mio giovane autista che mi aveva riportato dal confine libico si era fermato: per aiutare i suoi amici copti. Di quest’impressione di una “primavera araba” fondamentalmente fallita ne avevo dato conto fin da allora. In alcuni post scritti in tempo reale. Ma la rivolta ancora non è finita e continua a scorrere sangue: oggi ci sono stati almeno diciannove morti. Ed è soprattutto lo scontro religioso, mascherato da quello politico, che preoccupa. Quando finirà? [Foto: piazza Tahir dietro il Museo Egizio, 2011]

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: