you're reading...
capodanno, tribù

C’è chi già sta nel 2014

130255236-074c10ef-4a78-42a4-b14c-ed6adec47b30

Dall’altra parte del mondo è già il nuovo anno. Ho un caro amico a Sidney, Claudio, e vorrei chiamarlo per sapere com’è il 2014. Ma ho una gran paura: preferisco aspettare e vivere almeno queste ultime ore nella speranza.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

7 thoughts on “C’è chi già sta nel 2014

  1. Guarda che Sidney non si trova in Italia, per cui chiama tranquillamente se davvero vuoi vivere di speranza.

    Posted by Maria | 31 December 2013, 15:21
  2. [mode Battisti ON] Tu chiamale se vuoi ILLLUSIONIIiiii

    Posted by Massimo R. | 31 December 2013, 15:25
  3. Aho ma sempre scacco matto stai a farmi :-) Complimenti e tanti, tanti auguri grande reporter! <3

    Posted by Maria | 31 December 2013, 15:30
  4. Paura più che fondata , Pino ! Ma augurissimi a te !

    Posted by Lucio Gialloreti | 31 December 2013, 19:54
  5. Paura che penso provino in tanti, per non dire quasi tutti!!
    Auguri!!

    Posted by Patrizia M. | 31 December 2013, 21:46

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: