you're reading...
tribù

Già, si muore anche a Natale

L’illusione, da sempre, è che a Natale tutto sia bello e confortante. Come se ci fosse una pausa alla crisi quotidiana, alla violenza, alla cattiveria. E invece no. A Natale si muore, si uccide, si litiga, si perde il lavoro come in qualsiasi altro giorno della nostra esistenza sempre più difficile. Vengono i brividi a leggere di tutte le malefatte (e le disgrazie) avvenute nella notte considerata santa e pura della vigilia. E’ difficile addirittura elencare. Avendo dedicato tutta la vita a un mestiere magico e rischioso il primo pensiero va a Tetiana, una cronista coraggiosa, massacrata proprio la notte di Natale a Kiev, o al sacrificio di Mulhem, giovanissimo fotoreporter siriano che ha chiuso per sempre i suoi sogni ad Aleppo, ma anche ai cinque giornalisti di Tikrit uccisi in redazione mentre preparavano un’edizione speciale. Non sono tuttavia le sole vittime nel mondo: sempre in Iraq c’è stata una strage di cristiani, un poliziotto ucciso a Bangkok, un raid israeliano sui palestinesi, addirittura hanno sparato a Babbo Natale a Washington, mentre un fulmine ha colpito una chiesa sul cammino sacro di Santiago de Compostela. E poi: una bomba in Egitto, ancora morti in Sudan, due italiani soffocati in Nepal. La follia non è andata in vacanza neppure a casa nostra. Due ragazzi uccisi in una rissa a Massa Carrara, una lite in famiglia a Salerno finita a fucilate, vittime per la burrasca ma anche operai licenziati all’Aquila nella notte dedicata al Santo Bambino. E poi la rivolta delle bocche cucite. Si potrebbe, purtroppo, continuare. I marò ancora reclusi in India, ma soprattutto – oltre alla solita squallida bagarre politica  che non conosce sosta neppure nei giorni festivi – la scemenza di un settimanale di prestigio che ha chiesto di votare il personaggio dell’anno: scegliendo fra Dudù e Papa Francesco. Ma dove siamo finiti?

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

2 thoughts on “Già, si muore anche a Natale

  1. Arrivando ad una alternativa di scelta su Dudù. si irride a tutte le morti e stragi che avvengono , purtroppo, anche la vigilia del Natale !

    Posted by Lucio Gialloreti | 26 December 2013, 17:59
  2. [VIDEO sconsigliato a persone sensibili per immagini crude]

    Purtroppo si muore anche giorni dopo il Natale, uccisi da una donna kamikaze cecena, aspettando di passare il ceck-in di sicurezza all’interno della stazione russa Volgograd – Diverse vittime, molti i feriti anche in gravi condizioni.

    MORE: http://bit.ly/1inOetW

    Posted by GiorgiusGam | 29 December 2013, 12:53

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: