you're reading...
grillismo

Un vergognoso insulto alla memoria

L’altro giorno una parlamentare pentastellata che s’interroga sul segreto delle sirene, adesso un’altra che celebra il kamikaze di Nassiryia. Se questa è la nuova politica c’è da rimanere interdetti: non solo questi innesti sono assolutamente inutili, ma addirittura dannosi, capaci solo di dividere. Vorrei chiarire all’ultimo genio del grillismo che tutti siamo vittime. E’ vittima il pedofilo stuprato da piccolo, è vittima il rapinatore abbandonato dalla società, è vittima il sequestratore senza lavoro, è vittima chi fa stragi perchè sicuramente ha le sue motivazioni. Tutti siamo vittime, certo anche i carnefici, ma ricordare il sacrificio (volontario) di un assassino il giorno che si commemorano le vittime è solo un vergognoso insulto alla memoria.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

14 thoughts on “Un vergognoso insulto alla memoria

  1. Pino, se tutti i bambini abusati diventassero pedofili ci sarebbe un pedofilo ogni 5 persone: si sceglie di diventare criminali o di agire nel bene.

    Posted by Anna Pia Fantoni | 13 November 2013, 14:38
  2. Pare che per diventare grillino ci sia un severo esame dalla massa grigia di iscritti.
    Chi ha selezionato la diretta interessata, Homer Simpson? Tutti vittime nessun colpevole. ma vaffangrillo, si vergognassero.

    Posted by Massimo R. | 13 November 2013, 15:40
  3. Ci sono persone che devono a tutti i costi mostrarsi “diverse”, devono distinguersi, devono parlare fuori dal coro. A volte ci riescono, eccome.

    Posted by Marco Alici (@MarcoAlici) | 13 November 2013, 16:07
  4. Se i volti nuovi della politica sono questi…

    Posted by Monique | 13 November 2013, 17:08
  5. Vabbè Gabbià, pe la pulitica è mejo che nun scrivo sinnò sto picci me se impalla. Bona serata a tutti l’amichi de l’ostaria.

    Posted by ceglieterrestre | 13 November 2013, 18:45
  6. Io più che per il “tutti vittime” sono per il “tutti responsabili”… come diceva il caro vecchio Dostoevskij, e penso che se si cominciasse a vedere tutto in quest’altra ottica cambierebbero molte cose; il mio pensiero è più in linea con la libera scelta tra bene e male secondo una Coscienza… di Maria Pia Fantoni. (e questo è un discorso, che diventerebbe lunghissimo perciò lo chiudo qua). Mentre livellare gli assassini con le vittime non sta nè in cielo nè in terra naturalmente, e se ne è resa conto pure lei che poi si è scusata infatti, anche se ritengo sia stata più un’ingenuità che un insulto volontario contro le vittime di Nassiryia, che restano le Vere vittime di una violenza guidata dalla follia e che ancora… nel terzo millennio si manifesta come unico, o quasi, ‘piano di espressione comunicativa’.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 13 November 2013, 21:15
  7. (Anna Pia, non Maria Pia, scusa)

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 13 November 2013, 21:17
  8. Visto che si trovava, la lobotomizz … ehm la grillina, poteva pure ricordare ed elogiare i terroristi dell 11 Settembre.

    Posted by Walter | 13 November 2013, 22:22
  9. “Le pensioni d’oro sono diventate un diritto, e il Lavoro è diventato carta straccia” – dipendente Eutelia.
    Un intero Paese a cui viene impedito di lavorare.
    Una donna ha chiuso la sua agenzia immobiliare, non ha potuto pagare l’iva nè i contributi ai dipendenti, Equitalia la sta pignorando e ha pure due figli. Milioni di persone così, per non contare tutti quelli che si sono suicidati.
    Della Grecia non ne parla più nessuno…. come mai??
    “Un popolo (italiano) svuotato della sua dignità, del suo diritto a lavorare” – un senatore cinquestelle.
    Sto facendo la telecronaca, va bene ho finito.
    No, non ancora: “era tutto previsto. perchè le finanziare con la crisi ci sguazzano” – voce giornalistica descrittiva, che dice l’uno per cento della popolazione diventa sempre più ricco, in borsa la crisi fa guadagnare…….e i banchieri gangster da Luca Giarrotta, giornalista, che ha scritto un libro – e pure Rampini.
    Io poi non ne posso più perchè sono sempre le stesse cose, da uscir pazzi, è raro che seguo ancora queste trasmissioni. Ma visto che abbiamo capito tutto, che si fa????
    Poi, a chi fa sempre il paragone col dopoguerra e la voglia di rialzarsi che ora non c’è, la speranza contro le facce tristi e disperate di adesso, una delucidazione: quello per l’appunto era il “dopo”guerra…. adesso SIAMO in guerra!
    E i lavoratori se ne vanno in Svizzera perchè lì c’è collaborazione e non stato di guerra all’interno dello stesso popolo e da parte di quattro parassiti falliti!!
    (adesso c’è Paolo Barnard che parla, ma tanto non ho capito una volta capito…. e abbiamo capito benissimo, “come” si fa. Non se ne esce…. vero? e a parte questo paese che il peggiore d’europa, ma a livello mondiale?? come si mette? ho visto pure Report e la storia allucinante dei semi: perchè “chi ha il petrolio comanda il mondo ma chi ha i semi ha in mano i popoli”…impedendogli oltre che di lavorare pure di seminare una mela!!)
    – Ot –

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 13 November 2013, 23:45
  10. Provocazioni continue di questi pentastelluti , manovrati da un comico e da uno che si ritiene un profeta ! SIamo l’unico Paese al mondo con un movimento così , l’unico Paese al mondo che è ostaggio da più di vent’anni di una sola persona!! Vergogna globale!!

    Posted by Lucio Gialloreti | 14 November 2013, 18:54

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: