you're reading...
iraq

Nassiriya, dieci anni fa

“La notte è trascorsa nell’oscurità. Il nostro campo era intenzionalmente lasciato al buio. Ogni luce era spenta. Il cielo che si vedeva era diverso, pieno di stelle. Alzando lo sguardo in alto sono rimasto per un pò a pensare. Ragazzi come me, che hanno trascorso gli ultimi mesi in questo posto, vivendo questa parte della loro vita tra sforzi e disagi, per poi lasciarla andare via…”… e capire di essere noi le sole stelle sbagliate in questa immensa perfezione serale. (…)  Ci sono momenti in cui il bene ed il male si confondono, ci sono momenti in cui la rabbia prevarica l’idea originaria, ci sono momenti in cui è naturale chiedersi perché… Essere in un paese ostile per il bene dello stesso.. è un paradosso… Ma bisogna tenere in mente che non è il paese ostile, ma una minoranza di chi lo popola… Essere militari significa credere fortemente nella pace, al contrario di quello che alcuni pensano”.  Iraqi, un soldato italiano  [12 novembre 2003].

nassiryia

Il ritorno, davanti al quel gigante sbriciolato

I semi del brigadiere dei bambini

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

2 thoughts on “Nassiriya, dieci anni fa

  1. L’ha ribloggato su carlenrico.

    Posted by carlenrico | 12 November 2013, 12:39
  2. Una mia poesia, che dedico volentieri a questi ragazzi:

    – È TEMPO –

    Sulle dune della realtà sciolgo
    il mio anelito.
    Dono smarrito
    in qualche angolo del silenzio,
    nei teatri del sopravvivere
    a tutto e a sé stessi,
    nelle balere dell’ intelletto,
    nei luoghi fatui,
    di varia umanità in transumanza.

    È tempo
    è tempo che volino i pensieri.
    Niente più parole,

    solo un desiderio d’ Infinito.

    Posted by Walter | 14 November 2013, 21:37

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: