you're reading...
il segno dei tempi

Il sogno di Olivetti

Devastato pesantemente dalla bronchite, ho visto più televisione in questi dieci giorni che negli ultimi vent’anni. Così, mi è capitato di seguire la biografia di Adriano Olivetti. Sicuramente un pò romanzata ma – approfondendo la sua storia – molto simile alla realtà. Adriano Olivetti non solo è stato un grande imprenditore, ma è stato sul punto di cambiare il pianeta, o almeno la parte privilegiata, cioè il nostro mondo occidentale. Semplicemente con l’etica del lavoro. Un grande sogno: spazio alla fantasia, biblioteca, assistenza, solidarietà sociale, la fabbrica come vita. Alzo gli occhi e accarezzo con lo sguardo la mia “Lettera 22”, segno che anche i progetti più bizzarri possono riuscire e conquistare tutti. La ricetta non era difficile ma per questo rivoluzionaria: ridurre i profitti e reinvestire su tecnologia e soprattutto persone. Il rapporto che Olivetti aveva stabilito era di 1 a 50: l’imprenditore poteva guadagnare 50 volte il salario di un dipendente. Morto troppo presto l’ingegnere-poeta di Ivrea, il rapporto anche in Italia si è subito spostato a 1-30.000 e poi 1-300.000… Insomma, sono nati i “padroni” che guadagnavano da nababbi e gli “operai” a dividersi le briciole. Salvo poi portare le ricchezze all’estero. L’altro giorno in una trasmissione ho sentito un giovane imprenditore cinese in Italia che spiegava il perchè della non crisi dell’economia orientale. “Perchè i nostri profitti sono molto ridotti”. Già, ecco perchè il mondo cambia.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

17 thoughts on “Il sogno di Olivetti

  1. I cinesi hanno tanto da insegnarci… e sono più di 1 miliardo e mezzo…

    Posted by Andulka51 | 5 November 2013, 11:48
  2. Infatti, la stessa sciarpa comprata in un negozio “made in Italy” a 39 euro l’ho poi vista a 10 euro in un negozio cinese. :( Capisco che a casa loro i cinesi abbiano una filosofia che permette di accontentarsi di profitti modesti, ma qui le spese, se non altro per quanto riguarda gli affitti dei locali commerciali e le bollette, sono uguali per Italiani e Cinesi. Allora mi vien da pensare che non solo i Cinesi si accontentino (e per la maggior parte per le loro attività hanno una conduzione familiare, quindi niente stipendi da pagare), ma sono soprattutto gli Italiani a voler guadagnare troppo.

    Bella la fiction su Olivetti e lui era, davvero un grande uomo. Già allora, comunque, le sue idee erano guardate con sospetto.

    Posted by marisamoles | 5 November 2013, 13:50
  3. i cinesi ? non credo proprio !!!

    Posted by marcellolupo | 5 November 2013, 14:20
  4. Non ho la preparazione necessaria per affrontare l’argomento ma, trovo riduttivo attribuire le ragioni della crescita cinese alla differenza di profitti. Ci sono anche differenze nei costi, differenze nella qualità dei luoghi di lavoro e delle relative norme, come pure differenze del “punto di partenza” (è più facile la crescita di un’economia emergente che di un sistema già evoluto).

    Infine aggiungo come elemento di riflessione sull’industria cinese il caso Foxconn (http://punto-informatico.it/2890753/PI/News/cina-quella-fabbrica-un-inferno.aspx).

    Posted by Marco Alici (@MarcoAlici) | 5 November 2013, 17:22
  5. E che devono insegnare i cinesi? La pena di morte o Il loro regime totalitario? Che si vive per lavorare e non viceversa? Oppure che non hanno identità personale e fanno solo parte di un tutto? Che copiare ciò che fanno gli altri è bello, tipo la Ferrari in vetroresina e cartone? O magari che i loro prodotti costano poco perché scadenti sia sul piano della qualità che della sicurezza? O magari che costano ancor meno perché gli operai che li hanno prodotti era in condizione di schiavitù?

    Posted by Walter | 5 November 2013, 17:36
    • Non hanno sicuramente da insegnare niente sul piano politico e culturale, ma sicuramente sul piano economico bisognerebbe stare a sentirli se già sono di fatto “padroni” di un terzo degli Stati Uniti.

      Posted by pinoscaccia | 5 November 2013, 17:41
      • Se sono padroni non certo per merito loro, ma per demerito della cosiddetta “civiltà occidentale”. Sfruttano il momento di grave crisi occidentale, propinando le loro paccottiglie prodotte da schiavi. Ovvio che costano molto meno se chi le produce prende un quinto di salario “normale” e lavora il doppio se non di più.
        Certo che c’ è la crisi, se entrando anche loro nel mercato, le materie prime (acciaio, gas, legname …) ovviamente aumentano di costo. Se erano padroni anche gli operai si doveva stare a sentirli ed imparare, ma non è così. Anche laggiù i padroni fanno oligarchia.

        Conservo gelosamente una Lettera 22 perfettamente funzionante. Non è cinese.

        Posted by Walter | 5 November 2013, 17:54
  6. Ha affascinato anche me la storia di Olivetti, chissà perchè le idee “pulite” ed efficaci non fanno mai scuola…
    Quanto ai cinesi, sono vicina all’idea di Marco. E’ vero che bisognerebbe interrogarsi con onestà sulle ragioni della crisi, ma imparare dai cinesi davvero fatico a condividerlo.

    Posted by Monique | 5 November 2013, 19:55
  7. OLIVETTI è stato un Precursore. Una persona altissima, illuminata, uno che parlava di BELLEZZA…. nell’ambito di un’azienda, di una fabbrica, e quindi nella vita… Voi non vi rendete conto: Uno che voleva far EVOLVERE le persone anzichè sfruttarle! aiutarle ma aiutarle a crescere, a diventare autonome, in un clima di fraternità, di amore…dove il sacrificio diventa davvero fare cosa-sacra, e non pesa. Una comunità. Non quelle…insomma una vera comunità dove si lavora per se stessi e per gli altri, dove si procede per crescere insieme, senza egoismi, senza giochi di potere, dove non c’è chi “sta sopra” e chi “sta sotto”, lui sì UMANO! Poi, come ha detto qualcuno ospite di Porta a Porta – puntata che se la trovo la metto qua – “agivano proprio forze spirituali”. La Cina no, se le sogna,. O almeno se le è lasciate molto indietro millenni fa con…Confucio (come tutte le civiltà poi, che ogni tanto tentano dei revival…malriusciti). Per l’appunto il marxismo è materialista, ed è un’altra cosa. E infatti il loro comunismo/capitalismo lo vediamo. Lasciamo perdere la Cina, che sottoscrivo e condivido TUTTO quanto espresso da Walter.
    Non riesco a ricordarmi bene le parole degli ospiti di Porta a Porta – molto belli pure loro – un economista e un sociologo mi pare, e l’attrice Francesca Cavallin, intelligente e profonda, veramente brava! grande ammirazione pure per tutto ciò che ha detto lei!
    Così adesso cerco la puntata e la metterò qua (di Porta a Porta su Olivetti logicamente).
    Evviva Olivetti, il mio nuovo mito è lui…. quanto avremmo bisogno di veri Imprenditori così, anche se secondo me ci sono (ma avranno vita difficile).
    Ah e notare un certo imbarazzo di…Della Valle? mi pare che era lui…. ma mi astengo…

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 5 November 2013, 21:42
  8. Sì, l’umanesimo.
    Eccola, spero sia tutta intera perchè non ho la pazienza di rivederla tutta (sentite quello che dicono gli ospiti).
    …”perchè la bellezza rende migliori… e voglio una fabbrica che produca anche cultura perchè la cultura rende liberi…voglio che produca libertà e bellezza perchè saranno loro, libertà e bellezza a dirci come essere felici!”
    Adriano Olivetti

    http://www.portaaporta.rai.it/dl/portali/site/puntata/ContentItem-d32cbe1c-7933-4aff-a7b3-f1e3e9d75e4f.html

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 5 November 2013, 21:54
  9. Poi va bene che è tutto cinese ma che volete cinesizzare pure Olivetti?! buffo… ma lui è ‘marchio italiano’! ;))

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 6 November 2013, 09:00
  10. Er sor Olivetti granne Omo.
    Nun so brava a scioje sto gnommero. ‘N Itaja ce so stati tanti ciarvelli boni, ma mo li capoccioni se ne vanno pe trovà lavoro. Puro li negozzi itajani venneno articoli furestieri, la diferenza? li fanno pagà deppiù!
    Quanno vedo la pecetta furistiera nun compro.
    Ho riscoperto ‘na vecchia bottega che me sistema l’abbiti de quarche anno addietro, regà so mejo de quelli made ‘n cina, armeno so che le stoffe so bone. Mi madre diceva “Fija mia, fino a quanno da un abbito ce poi aricava un bottone, nun lo devi buttà”
    ‘N caro saluto a tutti

    Posted by ceglieterrestre | 6 November 2013, 17:41
  11. http://video.corriere.it/d-eusanio-uomo-che-si-svegliato-coma-quella-non-vita/f1545d52-477e-11e3-b84c-522fdc351fd5

    La voce della verità, la D’Eusanio, in un mare di ipocrisia….
    e poi perchè chiedono le scuse della Rai, scusa? vige il pensiero unico? la Rai si deve scusare di cosa, di come la pensa la D’Eusanio? è cambiato qualcosa nel frattempo, che io non so, non si può più esprimere la propria libera opinione?
    e perchè tutti gli altri invece sì?
    vorrei che mi rispondessero i conduttori benpensanti e ordinariotti…..che forse è il caso tornino a trasmissioni meno impegnative tipo forum magari.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 7 November 2013, 09:19
  12. Ok, partita in quarta come al solito, chiedo scusa. Diciamo che la D’Eusanio ci è andata giù con la gamba tesa, su un argomento delicatissimo, ecco. Non che “le schiere” dei crociati siano state mai tenere… – non dimentichiamoci cosa sono stati capaci di dire al Sig. Englaro – comunque vige sempre il vecchio principio, per me, che se gli altri sbagliano non è che si è autorizzati a sbagliare altrettanto… se una cosa è sbagliata lo rimane e punto. Come sempre gli argomenti (delicati) vanno affrontati più seriamente e con più tatto, anche per non fare l’effetto contrario oltretutto (per quanto capisco che ragionare con i cattolici non sia cosa facile…eh).
    Comunque ok, prese distanze, capito, rinnovate scuse per la mia partenza accelerata di cui sopra. (seriamente).

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 7 November 2013, 21:08

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: