you're reading...
amarcord

Morte di un boia

bariloche 21 nove 1995 001

[1995] A metà novembre conosco uno dei luoghi mondiali del desiderio, la Patagonia. Scorci da paradiso terrestre, ma un freddo che non mi aspettavo. L’obiettivo è il criminale nazista Erich Priebke, nascosto dal 1954 addirittura a Bariloche, mischiato nella comunità tedesca. L’Italia ha ottenuto l’estradizione e l’obiettivo naturalmente è di intercettarlo. Ci appostiamo per giorni davanti al suo rifugio, ma è impossibile entrare. Riusciamo soltanto a rubare un’immagine alla finestra il giorno dell’imbarco ed è già un buon colpo.

I giornali argentini documentarono quell’attesa. Io sono a destra, vedete, accanto a Carlo Salezzari. Dopo averlo ospitato per quarant’anni da vivo ora da quelle parti non lo vogliono più. Non lo vuole più neppure Roma naturalmente che nei racconti prima della morte dice di “aver amato tanto”, probabilmente dimenticando quello che è successo un giorno lontano. “Ne ho solo ucciso uno, anzi due”. “Ordini solo ordini”. “I lager? tutto inventato, mai visto una camera a gas, i prigionieri erano trattati bene”. La colpa del boia delle Ardeatine, per il  quale è impossibile provare pietà anche adesso che sta all’inferno, è di non essersi mai pentito. Carità cristiana impone di rispettarne il corpo anche se lui non ha mai conosciuto la carità. Un cadavere non può mettere paura. Ma oggi sono comparsi molti fiori sotto casa e anche una scritta sul muro che rende onore alla sua memoria. Il boia è morto sì, ma non i fantasmi. C’è solo un posto dove può andare: in Germania, quella patria che ha tanto rispettato da partecipare a un eccidio.

Visita ad Auschwitz   Orrore su Facebook

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

9 thoughts on “Morte di un boia

  1. E’ in Germania che devono rimandare il cadavere e rimuovere questi oltraggiosi segni di omaggio !!

    Posted by Lucio Gialloreti | 12 October 2013, 17:11
  2. L’ha ribloggato su carlenrico.

    Posted by carlenrico | 12 October 2013, 17:52
  3. L’ha ribloggato su Buonanotte.

    Posted by A.Ghiberti | 12 October 2013, 19:01
  4. non sono d’accordo: i fantasmi esistono eccome e sono sempre più numerosi

    Posted by pinoscaccia | 12 October 2013, 21:34
  5. Ma epperché nun torna in germania, mica che j’amanca er posto’.

    Posted by ceglieterrestre | 13 October 2013, 09:38
  6. che bello “da lontano la stupidità dell’uomo è un insignificante rumore di fondo”. … Pipistro, da facebook.

    (ecco perchè mi tengo lontana).
    ma io come farei senza queste persone che dicono queste frasi che mi sono sempre piaciute tanto! come il mio amico pittore…un’elevatezza dell’anima che sennò affoga…nel fango della meschinità ordinaria.

    Ciao Pipistro – non mi rispondere, tranquillo – ti mando un pensierino affettuoso! :))

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 13 October 2013, 11:19
  7. credo di aver letto che deve essere cremato. Ecco, l’importante è che le ceneri vengano sigillate per sempre. Non dobbiamo correre il rischio di restituirlo alla Terra, per farne parte infinitesima di un ciclo naturale: sarebbe troppo.

    Posted by senzanord | 16 October 2013, 22:10
  8. i fantasmi tornano.
    “…mamma c’è un imbianchino
    vestito di nuovo,
    c’è la pelle di un vecchio serpente
    appena uscita da un uovo…”
    (De Gregori)

    Posted by senzanord | 16 October 2013, 22:18
  9. Generalmente la melliflua frase di circostanza è: Pace all’ anima sua.
    Altri invece hanno detto: che vada all’ inferno.
    Io non ce lo vedo neanche lì.
    Niente … senza anima non si può esistere in un ipotetico Aldilà.

    Posted by Walter | 16 October 2013, 23:01

Leave a Reply to Twiggy (la rivoluzione estetica) Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: