you're reading...
grillismo, migranti

Il pensiero unico

Mi pareva strano. Era la prima mossa azzeccata del movimento5stelle. I senatori Maurizio Buccarella e Andrea Cioffi ieri avevano presentato un emendamento per l’abolizione del reato di clandestinità che è stato subito approvato. Troppo facile, hanno ragionato con la propria testa. I guru non ci stanno: non è possibile che ci siano teste pensati, allora noi che ci stiamo a fare? “La loro posizione in commissione Giustizia è del tutto personale, non faceva parte del programma. Non siamo d’accordo sia nel metodo e nel merito”. Lo dicono Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio in un post a doppia firma sul blog. Secondo loro nessun “portavoce può arrogarsi una decisione così importante senza consultarsi”. E poi giù a spiegare con motivazioni che sembrano prese pare pare dalla Lega. E ancora: “Il M5S e i cittadini che ne fanno parte e che lo hanno votato sono un’unica entità”. Già, quella dei guru. 

Questi invece sono i bulletti che piacciono tanto a Grillo.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

13 thoughts on “Il pensiero unico

  1. A parte le beghe interne al M5S,. di cui francamente non mi interessa granché, mi chiedo se sia sensato abolire il reato di clandestinità, sull’onda dell’emozione e in una situazione disgraziatamente molto particolare, senza pensare alla normalità. Io non sono d’accordo.

    Posted by marisamoles | 10 October 2013, 13:01
    • Situazione particolare? Ancora non hai capito che questa ormai è la normalità?
      “Qui si tratta di diritti, nessuno può essere considerato illegale e fuori dalla legge per una condizione che non dipende da lui, lo status di clandestinità non può essere una colpa dei migranti, e nemmeno si può spostare la questione, come fa Grillo, sul piano dello scontro tra cittadini di “serie A” italiani e quelli di “serie B”, stranieri. È questa l’idea che Grillo ha dello Stato di Diritto? Chiediamo ora ai senatori e ai deputati Cinque Stelle un sussulto di dignità, si ribellino finalmente al padre-padrone e lavorino, assieme a tutti noi per approvare leggi giuste per il Paese, perché non sono gli interessi di Grillo che devono tenere in considerazione ma quelli del popolo italiano e del futuro dell’Italia!”

      Posted by pinoscaccia | 10 October 2013, 13:05
      • Immaginavo una risposta del genere e ti capisco. Ma io mi riferivo a chi già vive in clandestinità, chi si dà alla criminalità, non a quelli che chiedono asilo per ragioni comprensibilissime. Insomma, si poteva fare un distinguo e non eliminare un reato con tutte le conseguenze immaginabili, nell’immediato e nel futuro più o meno vicino.

        Posted by marisamoles | 10 October 2013, 13:10
        • basta leggere con attenzione l’emendamento: tutti i reati restano
          non è certo una maniera per salvare i criminali, ma un modo di accogliere chi cerca aiuto
          essere considerati fuori dalla legge (clandestini) solo per il fatto di arrivare è un obbrobrio

          Posted by pinoscaccia | 10 October 2013, 13:12
          • Mi scuso ma non ho avuto tempo di leggere l’emendamento per intero, mi sono limitata a sentire la notizia alla tv e a leggere i titoli dei giornali. Se è come dici, allora va bene. Cioè, è quello che dicevo io.

            Posted by marisamoles | 10 October 2013, 13:22
          • ma è ovvio che è così: ma che pensi che si vogliano depenalizzare i reati degli stranieri?
            è stata cancellata soltanto la norma sulla clandestinità

            Posted by pinoscaccia | 10 October 2013, 13:23
  2. C’ è poco da fare, un filtro ci vuole. Altrimenti come si fa a capire chi cerca aiuto e chi un modo per delinquere oltre frontiera? Si chiede informativa agli stati di provenienza che sono in guerra o in indigenza se sono tali? Eh … aspettiamo e speriamo.
    Che detto filtro vada aggiornato alla situazione attuale è ovvio, ma così entra pure tutta la feccia delinquente, terrorista e assassina. Per colpa di qualcuno non si fa credito a nessuno.
    Per quanto riguarda i cosi lì … i grillini, sembra di assistere a una di quelle trasmissioni spazzatura, dove il nulla è tenuto insieme da insulti e minacce. Che si pretendono discorsi tondi e ragionevoli da costoro?

    Posted by Walter | 10 October 2013, 13:38
  3. La spiegazione che hai dato a Marisa mi è servita a capire, grazie! Un distinguo ci vuole e insieme bisognerebbe sollecitare l’europa, perchè questa questione non è un “problema” italiano.
    Quanto al M5S sono sempre più sconcertata, ma, nell’insieme di tutto il governo, sono soprattutto preoccupata di constatare che siamo veramente in pessime mani e se questi sono quelli che stanno in alto e dovrebbero dare l’esempio figurati gli altri…

    Posted by Monique | 10 October 2013, 17:41
    • Non vorrei insistere, ma sono giorni (in realtà sono anni) che chiedo l’intervento dell’Europa. Non ho inventato niente: mica tutti ricevono l’asilo politico. Il governo non dimostra certo grandi capacità (anche se il problema è antico), ma i pentastellati aumentano solo la confusione.

      Posted by pinoscaccia | 10 October 2013, 17:43
  4. Ma tutto ha origine dalla solita causa (che ancora non si è capita): dalla pretesa di uniformare con una legge “unica” applicata sulle categorie e sulle masse.
    Quando si aggiorneranno, e applicheranno una sorta di comprendonio e regole e applicazioni INDIVIDUALI…. forse si emanciperanno sia dai buonismi sull’onda dell’emotività sentimentalista – magari insieme alle convenienze da elettorato – sia dai “cattivismi” dell’onda opposta: quella della mancanza più totale di un’individualità.

    (mi riferisco a tutti i populismi, mica solo ai cinque stelle).

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 10 October 2013, 22:36
  5. La Bossi-Fini ha fallito, è sotto gli occhi di tutti. Lo stesso Fini ammise che quella legge fu un errore. Nel M5S c’è sicuramente un problema di democrazia e la logica “sei con noi o contro di noi” è letale. Non dimentichiamo però che trattamento è stato riservato a Fini e a tutti quelli che hanno sfregiato il “sacro volto”…

    Posted by alessandro | 11 October 2013, 10:29

Leave a Reply to marisamoles Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: