you're reading...
reporter, russia

Anna Politkovskaja, un delitto senza colpevoli

anna_politkovskaja_getty

Sono passati sette anni dall’omicidio della giornalista della Novaja Gazeta, Anna Politkovskaja, assassinata il 7 ottobre del 2006 nell’androne del suo palazzo, nel pieno centro di Mosca, mentre rincasava .Sette anni ci sono voluti perché nella capitale russa, nonostante gli intralci burocratici, sulla sede del giornale di Anna, fosse affissa una targa per ricordare il suo coraggio. Opera che raffigura tre fogli strappati da un’agenda e ricoperti da appunti, con sopra un ritratto di Anna. Donna fragile solo in apparenza, che però non si è fermata davanti alla paura e ha continuato a raccontare “La Russia di Putin” – così si chiama uno dei suoi libri più famosi – e le violazioni dei diritti umani durante le azioni militari russe in Cecenia. [segue]  La via dei boschi

L’ultimo reportage  Vera, la figlia  Illia, il figlio

Il prezzo della libertà L’era Putin

“Non sono un magistrato inquirente, sono solo una persona, sono una giornalista, che vuole descrivere quello che succede a chi non può vederlo.” [Anna Politkovskaja]

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

4 thoughts on “Anna Politkovskaja, un delitto senza colpevoli

  1. Io ho letto “La Russia di Putin”. Lo consiglio vivamente a quanti siano interessati ad approfondire la odierna situazione politica e sociale in Russia.
    Secondo me in quel libro ci sono anche le ragioni dell’assassinio della giornalista.

    Posted by alessandro | 7 October 2013, 18:44
  2. L’ha ribloggato su carlenrico.

    Posted by carlenrico | 7 October 2013, 18:57
  3. “Non sono un magistrato inquirente, sono solo una persona, sono una giornalista, che vuole descrivere quello che succede a chi non può vederlo.” [Anna Politkovskaja]
    Raccontare certe verità ha smarrito la vita

    Posted by ceglieterrestre | 8 October 2013, 09:15
  4. L’ha ribloggato su variousthingsdotme.

    Posted by rimai74 | 17 October 2013, 00:03

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: