you're reading...
africa

Come abbiamo svuotato l’Africa

“Quando ci siamo trovati prigionieri la morte ci è sembrata preferibile alla vita e abbiamo concordato un piano tra noi: avremmo appiccato il fuoco e fatto saltare in aria la nave e saremmo morti tutti tra le fiamme”. [dal racconto di uno schiavo africano]

Piccola storia della schiavitù

200px-Slaveshipposter-contrast

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

4 thoughts on “Come abbiamo svuotato l’Africa

  1. Inquietante.

    Posted by marisamoles | 5 October 2013, 12:36
  2. Uscirà a gennaio un film sulla schiavitù…non credo riuscirò a vederlo.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 5 October 2013, 13:04
  3. …Er penziero è tristo
    co er magone drento er petto
    pe tutti quelli che pe cercà ‘na strada
    cianno arimesso la vita.

    sora Cencia

    Posted by ceglieterrestre | 5 October 2013, 16:18

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: