you're reading...
vivalamerica

Se anche lo zio d’America diventa povero

Negoziati falliti a Capitol Hill, il governo federale è senza fondi e dichiara la serrata. Dalla mezzanotte appena trascorsa mancano i fondi per garantire il regolare funzionamento del governo degli Stati Uniti. Non avveniva dal 1996. In congedo forzato oltre 800 mila dei circa 2 milioni di dipendenti federali. Chiudono musei, parchi nazionali e numerosi uffici federali. I tribunali federali hanno fondi solo per dieci giorni. Un decreto di emergenza firmato da Barack Obama garantisce finanziamenti alle truppe all’estero.  Il corto circuito nasce dalla volontà dei deputati repubblicani di chiedere il rinvio dell’entrata in vigore della riforma della Sanità in cambio del finanziamento del governo: la Camera ha approvato la mozione ma il Senato l’ha respinta.  Maurizio Molinari  La Stampa

Anche gli Stati Uniti sono in crisi: profonda. Il “sogno americano” appartiene a un lontano passato, come i vari “piani Marshall” che hanno permesso di trasformare il mondo a stelle e strisce. Non spetta a noi individuarne le cause, ma è abbastanza evidente che le guerre degli ultimi tempi hanno esasperato la crisi. Conflitti costosissimi, oltre che dolorosi, senza ricavarne benefici così pure il controllo totale di larghi pezzi del pianeta. Ma è uno strano mondo quello dei leader dell’Occidente. Dove non si riesce ad attuare una riforma della sanità, ma dove si garantisce il finanziamento alle truppe all’estero. Ricordo la battuta di Bush quando si parlava di ambiente e della riduzione della spesa energetica. “Il nostro tenore di vita è questo e non abbiamo nessuna intenzione di fare passi indietro”, disse. Già, fino alla rovina tanto da favorire l’islamizzazione del mondo e magari essere debitori verso la Cina di un terzo di quello che era il paradiso del capitalismo.

La fine del sogno americano

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

One thought on “Se anche lo zio d’America diventa povero

  1. qua, su questo post, penso che ci sia una ‘rimozione forzata’… come nei divieti di sosta ;))
    (insomma proprio non va giù).

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 1 October 2013, 21:50

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: