you're reading...
cronaca

Amanda, la volpe

Lei dice: «Mi sento braccata. La notte, quando esco, basta un rumore dietro di me, un fruscio, o solo un’ombra, per farmi spaventare».  Non è questo che sognava di se stessa neppure «Amanda la volpe», come la avevano ribattezzata i cronisti inglesi sui tabloid, neanche quando sorrideva alle telecamere, quando abbassava gli occhi e fermava le lacrime. Un giorno, quando passerà di qua, Raffaele Sollecito le farà vedere le foto della tomba di Meredith, un mucchio di terra smossa alla periferia di Londra, con qualche fiore appassito buttato lì, e una misera targa del Comune, nient’altro che quello.  Pierangelo Sapegno La Stampa

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

8 thoughts on “Amanda, la volpe

  1. Che tristezza questa brutta storia, soprattutto perchè sembra che nessuno pensi più a Meredith, la vera vittima. E, innocente o meno, personalmente credo che Amanda potesse risparmiarsi tutto lo spettacolo di libri e interviste…almeno quello.

    Posted by Monique | 1 October 2013, 14:58
  2. Se è una assassina, non si sa (ancora) e nessuno, a parte gli addetti ai lavori, può dirlo.
    Certo è che, una che si butta nella pastoia mediatica per ottenere consensi sfruttando la tragica situazione, pubblicando libri, concedendo interviste e poi pretendere l’ anonimato è squallido. E’ squallido soprattutto quando con un atteggiamento da flebile e indifesa animella, ha accusato ingiustamente altre persone di avere commesso l’ omicidio di cui lei è tuttora indagata. Farebbe meglio a tapparsi la bocca costei, per non passare quale persona cattiva che non ha il senso reale e cognitivo della situazione in cui si trova, ma che ne approfitta. Per non pensare peggio.

    Posted by Walter | 1 October 2013, 18:44
  3. Ma la volpe ( parere personale) in questo processo è un’ alta persona. Il suo Avvocato, che sa benissimo come far nuotare i suoi assistiti dentro il calderone della popolarità per raggiungere l’ obiettivo.

    Posted by Walter | 1 October 2013, 18:59
  4. Sono d’accordo a metà perchè mettiamo il caso sia innocente…figurarsi se chiunque non si sarebbe tolto la soddisfazione – sicuramente poco signorile, non discuto – di spargere ai quattro venti ciò che ha vissuto.
    C’è una vittima, ma non è che un’altra vittima – della giustizia, ammesso e non concesso che lo sia – debba cedere il passo in nome del “bon-ton”.
    Se invece è colpevole… e vorrei davvero saperne e capirne di più delle presunte o di fatto prove che li coinvolgono o meno, beh: non si commenta neppure… per una cosa tanto orrenda poi c’è la coscienza personale e di solito pure un “ritorno” nel senso di risultanze future: quale peggior castigo?

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 1 October 2013, 21:43
  5. :( La pora Meredith riposa in pace, sortanto lei sa la verità.

    Posted by ceglieterrestre | 2 October 2013, 09:55

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: