you're reading...
bellitalia

Siamo in vendita?

Lasciamo perdere il passato (la Nestlè, la Fiat…) ma ora si comincia a esagerare. Dell’Alitalia venduta ai francesi si dice da tempo, ma che ora anche la Telecom non è praticamente più nostra fa un certo effetto. Possibile che anche gli spagnoli stiano meglio di noi?

Tutte le razzie: Italia terra di conquista

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

18 thoughts on “Siamo in vendita?

  1. Forse ,caro Pino , anche in svendita! Ma c’è rimasta qualche Ditta o Società solo italiana? boh!

    Posted by Lucio Gialloreti | 24 September 2013, 11:17
  2. In effetti quando vendiamo le nostre imprese agli stranieri le svendiamo e quando le compriamo noi le paghiamo ad un prezzo sempre molto più alto del valore effettivo. Strano Paese il nostro. Dovrei interessarmi di più di politica, forse ne capirei di più.

    Posted by Maria | 24 September 2013, 11:25
  3. Ducati e Lamborghini nelle mani della Volkwagen, Valentino e Gucci in mani straniere… e non dimentichiamo che fra la fine degli anni 90 e l’inizio del 2000, la FIAT rischiava di essere comprata dalla General Motors. Ora anche Ansaldo Energia e Ansaldo STS, rischiano di essere comprate dai coreani… anche se non frega niente al cittadino medio, contento solo se gli aprono un centro commerciale sotto casa

    Posted by aurelianoflavio2 | 24 September 2013, 11:51
  4. Non capisco se il titolo di questo articolo sia una domanda…se cosi fosse mi chiedo come possa porre un quesito del genere un giornalista di tale esperienza. Ma davvero lei signor Scaccia non ha capito quello che sta succedendo nel nostro Paese, chi lo sta affossando e perche’?

    Posted by flam | 25 September 2013, 01:24
    • Posto che quell’interrogativo è segno di speranza, con gli anni ho imparato che i dubbi sono sintomo di intelligenza. Visto che c’è invece chi ha certezze assolute, magari fin nei dettagli, attendo lumi. Sono sempre pronto ad apprendere, prima di chiudere definitivamente la porta del Belpaese.

      Posted by pinoscaccia | 25 September 2013, 09:14
      • La mia era una domanda che esprimeva perplessita’, non arroganza…non avevo pensato alla “speranza” perche’ credo che questa possa esistere solo quando e’ supportata dalla conoscenza specifica su un dato problema…e le mie conoscenze mi spingono a non considerare la speranza come ad un’alternativa valida. Lei fa bene a non chiudere le porte al Belpaese (non ancora) e questo le fa onore, pero’ allo stesso tempo la invito a fare cio’ che lei ha sempre fatto in modo impeccabile nel corso della sua lunga e ammirevole carriera: ricercare la verita’…la quale e’, in questo caso e come sempre, solo una e ben definita, mi creda. Un cordiale saluto

        Posted by flam | 25 September 2013, 22:35
  5. ma giacchè ci siamo posso capire pure io? chi lo sta affossando e perchè? io non lo so

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 25 September 2013, 12:20
  6. …pare perfino la grecia (sta meglio di noi): l’hanno detto adesso a la7.
    pazzesco ma è la giusta risultanza se vogliamo: che si aspettavano? dopo l’imprenditoria che ha preferito lo sfruttamento internazionale e con uno Stato che ha preferito lo sfruttamento nazionale – e pure da parassita, perlomeno i primi producono – adesso chi può scappa e gli squalliducci è giusto che si ritrovino colonizzati (il passatempo ce l’hanno, possono sempre continuare a mandare cartelle esattoriali, gratis però… senza più sangue da succhiare agli imprenditori rimasti morti suicidi o in chiusura di attività).

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 25 September 2013, 13:05
  7. Quanti sbagli si commetto ma, grave è continuare a sbagliare. Forse un giorno qualcuno alzera la testa e dirà basta!

    Posted by ceglieterrestre | 25 September 2013, 15:32
  8. L’ha ribloggato su variousthingsdotme.

    Posted by rimai74 | 25 September 2013, 23:46
  9. AFFARONE!
    Vendesi nazione d’ epoca, sita nel centro del meraviglioso Mare Mediterraneo, con oltre 7.500 Km di coste, arredata con popolo schiavo e docile.
    Dotata di tutti i confort. Vista mozzafiato. Parlamento da ristrutturare, anzi da sostituire completamente. Possibilità di allestimento impianti nucleari, deposito scorie radioattive, discariche varie. Prezzo da concordare. Il servizio portineria è gestito dai Servizi Segreti U.S.A.

    Posted by Walter | 27 September 2013, 18:01
    • Bellissima questa Walter, la stampo e la voglio incorniciare!

      e volevo giusto dire (sempre in ot) che sta per cadere pure questo governo…come se il problema fosse “Letta”, come se altri (chi poi?!?) avessero dei progetti e sapessero cosa fare, come se dopo aver affossato tutto e tutti non fosse il momento di muoversi a testa china in punta di piedi con umiltà a cercare di rimediare… se soltanto provassero VERGOGNA.

      Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 27 September 2013, 18:53

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: