you're reading...
africa, immagini, razzismo

Restiamo umani

1184772_10151844985375238_1209417560_n

Quando nasco, sono nero,
quando cresco, sono nero,
quando ho caldo, sono nero,
quando ho freddo, sono nero,
quando ho paura, sono nero,
quando sono malato, sono nero,
quando muoio, sono nero.
Tu, quando nasci sei rosa,
quando cresci sei bianco,
quando hai caldo sei rosso,
quando hai freddo sei viola,
quando hai paura sei giallo,
quando sei malato sei verde,
quando muori sei grigio.
Allora, perché continui a chiamare me uomo di colore?

[Foto di Ruud Van Empel, olandese, 2006]

Ho pubblicato su Facebook questo post. Parole forti e immagine così bella da mozzare il fiato. Mai era successo che un post fosse così seguito (lo hanno visto in 51 mila). Cento commenti, quasi novecento “like” ma soprattutto più di mille condivisioni! Sembrano solo cifre, invece sono un segno di grande umanità. Significa che c’è ancora spazio di salvezza.  La pagina Facebook

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

4 thoughts on “Restiamo umani

  1. Giá, perchè!!!!!
    Ignoranza, senso di superiorità, stupidità e tanto altro ancora. C’è ancora umanità per fortuna, anche se pare possibile…

    Posted by Patrizia M. | 14 September 2013, 14:49
  2. Stupenda immagine e profonda, giusta riflessione!

    Posted by Lucio Gialloreti (@LucioGialloreti) | 14 September 2013, 17:47
  3. Continuo a non farmi illusioni, so troppo bene quello che c’è in giro e la pochezza generale buona solo a sbandierare grandi ideali ma poi… Devo ammettere però che leggendovi su facebook… dalla foto da opera d’arte, la bellissima poesia e tutti voi..mi sono commossa: ero al lavoro e continuavo a piangere come una cretina :)
    La tensione a lungo accumulata a forza di sentire bruttezze si è rotta all’improvviso… la cosa strana è che è proprio come succedeva a teatro a tanti di noi che all’improvviso, magari ballando…qualcuno scoppiava a piangere, ma era un pianto liberatorio.
    Veramente tenerissimo post comunque :))

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 14 September 2013, 18:43
  4. L’ha ribloggato su variousthingsdotme.

    Posted by rimai74 | 18 September 2013, 00:02

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: