you're reading...
mafia

La figlia della belva

«Dispiaciuta» per le vittime, ma «onorata» di portare il nome del padre: così si è detta Lucia Riina, figlia del capomafia Salvatore (Totò) Riina, alla televisione svizzera, «Io sono onorata di chiamarmi così, e felice» perché «è il cognome di mio padre e immagino che qualsiasi figlio che ama i suoi genitori non cambia il cognome. Corrisponde alla mia identità. Sono i miei genitori, siamo cattolici e devo dell’amore a mio padre e mia madre», afferma, ricordando che a casa pregavano tutte le sere e che il momento più brutto della sua vita fu l’arresto di suo padre. «Nostra madre è stata estremamente importante, poiché non abbiamo potuto andare a scuola. È lei che ci ha insegnato a leggere e a scrivere». Fonte

Va tutto bene, cioè non si può contestare l’amore di un figlio per i genitori. Ma essere “onorata” per un nome che mette paura soltanto a nominarlo sembra un pò troppo. Totò Riina non è stato un capoclan qualsiasi, ma uno stragista sanguinario. Mentre loro pregavano tutte le sere, molte famiglie piangevano i loro figli per la sete di potere e di soldi di quello che anche i mafiosi chiamavano “la belva” per la ferocia. Proprio una bella famiglia. La madre, quella santa donna, era figlia di un capomafia e sorella di Leoluca Bagarella, almeno duecento omicidi sulle spalle, fra cui quello del piccolo Giuseppe Di Matteo, sciolto nell’acido. Già, i figli: il padre di Lucia fra le sue infinite malvagità ordinò, ai tempi di Buscetta, di colpire i familiari dei pentiti “fino al ventesimo grado di parentela, compresi donne e bambini”. E mentre distruggeva le altre portava avanti, fra tante preghiere e tanto amore, la sua di famiglia. Totò e Antonietta hanno avuto quattro figli, quasi tutti ben addestrati (da killer) e in galera, fino all’ultima rampolla, Lucia appunto. Lei è cresciuta fra tanto amore, i figli di Boris Giuliano o dei poliziotti di Capaci hanno solo potuto onorare la memoria dei propri padri. Per rispetto a loro, almeno, la figlia della belva dovrebbe nascondersi dalla vergogna, altro che sentirsi onorata. A trentatrè anni non ci sono più giustificazioni per non sapere. E soprattutto per non capire. Dispiacersi non basta.

Ma c’è anche chi si ribella al padre boss

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

10 thoughts on “La figlia della belva

  1. Per me chi ha permesso il delirio pubblico di questa donna ha uguali responsabilità. Agli Svizzeri non è piaciuto molto….

    Posted by Barbara Brunati | 28 August 2013, 18:53
  2. Ho cliccato Mi Piace per l’articolo, ovviamente. Lei non mi piace per niente, non ha pudore.

    Posted by marisamoles | 28 August 2013, 20:09
  3. Niente di cui stupirsi: chi è nato dentro quella cultura malata pensa in quel modo malato. Il punto, semmai, è perché ai sani debba essere propinato quel delirio televisivo. Ci sarebbe tanta gente interessante, davvero interessante, che varrebbe la pena di intervistare…

    Posted by Marco Alici (@MarcoAlici) | 28 August 2013, 22:08
    • Vero, è sempre una questione di “livello”.
      al massimo la donnetta avrà letto lucky luciano… polpetta per affezionati alla volgarità scambiata per virile grandiosa onnipotenza.
      ma, “chi è nato in quella cultura malata pensa in quel modo malato”; infatti… questa frase mi fa pensare, perchè: “come mai” è nata in quella cultura malata? perchè per me è “questo” il punto interrogativo principale, sempre, in ogni cosa. E’ anche una bella donna, esclusivamente esteticamente parlando. Secondo l’antico concetto ellenico corrispondente a una bellezza interiore… dunque, e magari ci sarà qualcos’altro su cui dover lavorare (come tutti). Ora, se penso a Cleopatra…Messalina, mi chiedo: “come” si saranno successivamente incarnate anime tanto corrotte? sicuramente in niente di angelico… di evoluto. Evoluzioni/involuzioni di cui siamo sempre noi gli artefici… e prima di andarne fieri gli auguro di essere ancora in grado di prenderne coscienza.

      Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 28 August 2013, 23:02
  4. Dovrebbe solo vergognarsi a difendere il cognome paterno!!!

    Posted by luciogialloreti | 29 August 2013, 11:40
  5. Caspita! Anche in Svizzera fanno documentari sugli animali e le belve oranti! Buono a sapersi.
    Se alla onorata figlia dell’ assassino feroce dispiace tanto per le vittime, quando sparirà la sua “cattolica” famiglia dalla faccia della terra, a me e molti altri, non dispiacerà. Anzi senza false ipocrisie, si stappa una bottiglia di quello buono. Poi una bella novena di gruppo.

    Posted by Walter | 2 September 2013, 17:21

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: